CENTRO UFOLOGICO TARANTO MAGAZINE

PORTALE DI DIVULGAZIONE E INFORMAZIONE UFOLOGICA, MISTERI SPAZIALI, STORICI E PALEONTOLOGICI

IL SETI COSTRUISCE ANTENNE PARABOLICHE SUL MONTE “SHASTA”. E’ SOLO UN CASO?

Il Monte Shasta più che un monte vero e proprio è una strato vulcano dormiente alto 4322 metri. Si trova sulla catena montuosa delle Cascades ed è meta preferita dagli alpinisti, dopo il Monte Rainer (California).  Ma è anche il posto dove Paul Allen, magnate della Microsoft, ha finanziato la costruzione del cosidetto “Hat Creek Radio Observatory”, una batteria di una nuova gamma di 350 telescopi piatti che saranno utilizzati dal SETI (Search of Extraterrestrial Intelligence), per cercare di carpire segnali radio di natura artificiale di civiltà extraterrestri intelligenti. L'”Hat Creek Radio Observatory” si trova precisamente a trenta miglia dalla cittadina di Shingletown, piccolo paese con pochi negozi, un solo bar e un solo ristorante. Quindi Paul Allen, assieme ai vertici del SETI, ha scelto questo posto solo perchè immune da inquinamento luminoso ed elettromagnetico o silenzioso oppure perchè ogni tanto succede qualcosa di “strano”, forse a conoscenza del SETI? Per i nativi locali il Monte Shasta è una montagna sacra, perchè dimora di spiriti ma oltre alle leggende ci sono stati numerosi avvistamenti di UFO trangolari, “dischi volanti”, sfere energetiche e anche (si dice) contatti con esseri extraterrestri oppure avvistamenti di “Bigfoot”. 

 Secondo molte testimonianze l’interno del Monte Shasta è pieno di numerosi tunnels, che portano a basi extraterrestri all’interno del vulcano. Secondo il ricercatore statunintense William Hamilton all’interno del vulcano c’è una base abitata (a sua dire) dai superstiti del continente Lemuria, che utilizza alta tecnologia. Questa convinzione è divenuta per lui certezza quando anni fa intervistò una ragazza bionda, molto carina, con occhi a mandorla e dentatura quasi perfetta. Il suo nome era Bonnie. Gli raccontò che era nata nel 1951, in una città sotterranea chiamata “Telos”. Fù costruita all’interno di una caverna sotterranea a forma di cupola, un miglio sotto il vulcano. Secondo questa ragazza, il loro popolo vivrebbe nella nostra società, indistinguibile da noi. Ritornerebbero spesso a Talos per riposarsi e rinfrancarsi. Per scavare tunnels sotto il Sasha il loro popolo userebbe macchine perforatrici, in grando di rendere incandescente la roccia, e poi le vetrificano, evitando cosi travature e supporti.  Secondo Bonnie all’interno del nostro pianeta esisterebbero numerose città sotterranee, collegate tra loro tramite un tunnel metropolitano. Per muoversi utilizzano treni a propulsione di impulsi elettromagnetici che viaggiano ad una velocità di 2652,5 km/h. Una di queste metropolitane connetterebbe con una delle città della giungla del Mato Grosso in Brasile. Ricordiamo che il Brasile, come molte zone della foresta amazzonica è colma di storie di apparizioni di strani esseri, UFO e “chupachupa” (luci vampiro). Ma le incredibili dichiarazioni della presunta superstite di Lemuria non finiscono qui. Secondo lei sono in possesso di coltivazioni “idroponiche”, che crescono sotto l’illuminazione ad ampio spettro, con i loro giardini assistiti da robot. Secondo Bonnie il loro popolo è composto da circa 1 milione e mezzo di abitanti, che prospera con una economia senza denaro. Queste dichiarazioni possono sembrare inverosimili, ma per il ricercatore UFO William Hamilton sono un dato di fatto. Tra l’altro Bonnie parla anche della propulsione che utilizzano per far volare gli UFO. Utilizzerebbero un potere energetico generato da cristalli, in particolare per i velivoli atmosferici. Un motore Ione-Mercurio guida i velivoli che fanno la spola tra un pianeta ed un altro. Raggiungono velocità superiori a quella della luce e possono entrare nell’iperspazio, ossia la Quarta Dimensione. Sono controllate da un computer di bordo che ti porta dentro e fuori l’iperspazio. Quando si entra in una nave spaziale che penetra l’Iperspazio, si sente una vibrazione e un forte suono stridente, poi tutto svanisce. Davvero dichiarazioni interessanti ma anche difficili da accettare, vista l’assenza di prove certe. Come anche azzardate le dichiarazioni di Bonnie che afferma che dopo la scomparsa di Lemuria, avvenuta secondo la leggenda oltre 12.000 anni fa, i loro sacerdoti e scienziati decisero di interpellare un gruppo, denominato “Agartha Network”, il quale scelse il Monte Shasta come base e ora conterrebbe (sotto le viscere) un milione e mezzo di abitanti. Davvero difficili da verificare queste dichiarazioni ma resta il fatto che nei pressi di quel monte succedono da anni, se non da millenni, fenomeni strani e anomali. E se volessimo sognare e anche noi dire affermazioni leggendarie? Ponendoci queste domande: e se il SETI sapesse cosa succede nei pressi del Shasta? E magari invece che coi Lemuriani collabori con una sconosciuta razza extraterrestre? Magari collaborazione scientifica? Chissà fosse la costruzione non è solo un caso. Ma questa è solo una leggenda.

Antonio De Comite

Coordinatore CUT (Centro Ufologico Taranto)

Annunci

5 risposte a “IL SETI COSTRUISCE ANTENNE PARABOLICHE SUL MONTE “SHASTA”. E’ SOLO UN CASO?

  1. gianni giugno 10, 2008 alle 1:54 pm

    tutto è infinitamente possibile.
    ho messo da parte le parole VERO e FALSO,
    incompatibili con un universo o paradigma olografico
    http://www.disinformazione.it/universo_olografico.htm
    e, olograficamente parlando, sono pronto e mi aspetto ormai ogni tipo di manifestazione di vita che non entrerebbe in risonanza col ragionamento razionale puro.

    interessantissimo e per me nuovo è l’argomento “colticvazioni indoor o idroponiche” che sto approfondendo
    http://coltivazioneindoor.info/tecniche/idroponica.php

  2. giac giugno 10, 2008 alle 3:51 pm

    mi sa molto di stargate sg1…

  3. Rick giugno 10, 2008 alle 6:11 pm

    Se non erro in quelle zone il CSETI fa delle spedizioni per i contatti UFO-ET

  4. zret giugno 10, 2008 alle 6:40 pm

    A mio parere, intendono intercettare e colpire quelli che essi chiamano intrusi.

    Ciao

  5. Riccardo giugno 11, 2008 alle 8:52 am

    Sono daccordo, anche Greer ha spiegato inoltre anche ultimamente a programmi radio che sono divenuti piu bravi a intercettarli quando escono da velocita superluminale e si trovano nella nostra dimensione spazio-temporale..so che per alcuni può essere tutto assurdo, ma questi sono i punti..

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: