CENTRO UFOLOGICO TARANTO MAGAZINE

PORTALE DI DIVULGAZIONE E INFORMAZIONE UFOLOGICA, MISTERI SPAZIALI, STORICI E PALEONTOLOGICI

Spiegato il mistero dell’elica eolica distrutta in UK?

fireworks460Qualche giorno fa avevamo pubblicato una notizia, la quale riportava la possibile distruzione di un elica di una pala eolica ad opera di un UFO “tentacolare” (https://centroufologicotaranto.wordpress.com/2009/01/07/un-ufo-tentacolare-distrugge-una-pala-eolica-in-inghilterra/). Ebbe a quanto pare non è cosi. Il giornale britannico “Guardian” ha scoperto che in realtà, ciò che i testimoni avevano notato sopra una pala eolica e scambiato per un mostruoso UFO era in realtà un… fuoco artificiale. Il “Guardian” è riuscito a trovare il creatore “involontario” del caso, che ha fatto il giro del mondo. Tutto è nato quando un fratello della famiglia Emily, che fa parte del Guardian News & Media Director dei contenuti digitali, ha acquistato dei fuochi d’artificio. Il fratello, di nome Tim, aveva acquistato presso un locale, dei fuochi d’artifico, che servivano per festeggiare gli ottant’anni di compleanno del padre, Peter Bell. “Erano di medie dimensioni, con fuochi d’artificio assolutamente non balistici, che sono stati fatti cadere sopra una casa dei miei familiari. Ci siamo fatti molte risate quando si è detto che queste luci hanno distrutto una turbina a vento“. La mamma Emily Brigida, di 74 anni, ha dichiarato che “ci siamo trovati dentro un grande scoop e tutto è finito su un rosso tabloid (ndr il tabloid “The Sun”)”. Quindi mistero svelato?

Informazione estrapolate dal sito in inglese: http://www.guardian.co.uk/media/organgrinder/2009/jan/08/windpower-thesun

Importante aggiornamento, secondo un “insiders” del Ministero della Difesa britannico, l’UFO che avrebbe danneggiato l’elica eolica era in realtà un segreto Unmanned Stealth Bomber (Bombardiere Invisibile senza pilota). Si tratterebbe di un velivolo con ali a delta, di colore nero, che porta il nome di “Taranis”, dal nome del Dio Celtico del Tuono. Ha le dimensioni di un jet Hawk ed equipaggiato di tecnologia “stealth” ed un sistema di intelligenza artificiale “autonoma”. Il velivolo è stato progettato dalla BAE Systems ed è stato disegnato per fornire armamenti di guerra in altri continenti. La fonte (in Inglese) è la seguente http://www.dailymail.co.uk/news/article-1108973/Unmanned-stealth-bomber-UFO-responsible-destroying-wind-turbine.html Molto meglio l’ipotesi velivolo sperimentale terrestre che un fuoco d’artificio.

Sotto un disegno del “Taranis”

neuron-cg-concept-112005-dassault

10 risposte a “Spiegato il mistero dell’elica eolica distrutta in UK?

  1. Marius gennaio 9, 2009 alle 12:45 pm

    ma dai…
    un fuoco d’artificio riesce a spappolare un elica interamente
    d’acciaio?
    non ci credo

  2. MilloRN gennaio 9, 2009 alle 1:23 pm

    si appunto… non credo nemmeno io che un fuoco d’artificio riesca a fare tt questi danni, però spero a questo pirla che l’ha lanciato gli addebitino la spesa della pala distrutta ahah, che sarà di un bel pò immagino

  3. gianni gennaio 9, 2009 alle 1:29 pm

    potrebbe essere un fuoco d’artificio la causa.
    anche perchè, provando a mettermi nei panni di chi starebbe dentro un ufo, che gusto avrei a distruggere una pala eolica?
    A meno che, quel giorno, chi era al controllo dell’ufo non fosse fuori di testa od ubriaco cosmico.

  4. elle5 gennaio 9, 2009 alle 5:55 pm

    Il solito debunking,(?)
    come puo’ un fuoco d’artificio confezionato con polvere “pirica”
    distruggere una pala di venti metri…Piegarne un’altra e…
    Tranne che non hanno fatto i fuochi con un mortaio o un bazooka..
    E i testimoni?
    No, non ci credo!
    Che sia stato un ufo o no non lo possiamo certamente giurare, ma dire che un semplice fuoco
    d’artificio fa quel danno e’ come dirci “cretini ed allocconi”.
    Ho letto i giornali inglesi, prendono tutta la faccenda con sufficienza,coprendo di ridicolo i testimoni…Porco cane, pero’…
    MAH,
    Ettore-Messina!

  5. Simon gennaio 9, 2009 alle 7:49 pm

    Secondo me è stato Berlusconi….ahahahaha…..

  6. MilloRN gennaio 9, 2009 alle 8:30 pm

    allora scusa, se ragionassimo così, che gusto ci provano gli alieni a far un salto qui, farsi far 2 foto, farsi vedere 10 minuti e poi sparire… cavolo fermati a bere una birra! scommetto che su saturno non ce l’hanno eheh

  7. lol gennaio 9, 2009 alle 8:44 pm

    le pale si sfasciano anche solo per il vento forte, vedete i miei video sul post passato dell’elica

  8. lol gennaio 10, 2009 alle 1:02 am

    ma chi è che ha detto la balla del Taranis, il solito rivelatore mitomane?
    Perché è impossibile!
    Il Taranis deve ancora fare il primo volo di test!

  9. stallone gennaio 10, 2009 alle 1:46 pm

    a voi tutti consiglio le ricerche di malanga se non altro un ricercatore serio con un curricolum serio con anni di insegnamento all università come non prendere almeno in considerazione la mole di ricerche di uno che proprio per il suo lavoro (ricercatore),sa come svolgere una seria ricerca in ogni settore.certo quello che lui ha trovato in anni di seria ricerca potrà non piacere ma volenti o nolenti è pur sempre un qualcosa da tenere i considerazione proprio per la serietà certificata di chi ha svolto gratuitamente queste ricerche…

  10. elle5 gennaio 10, 2009 alle 4:10 pm

    Ciao Stallone,
    in effetti il Dott.Corrado Malanga e’ uno dei piu’ noti e affermati ricercatori,
    ho letto sue ricerche che fanno veramente pensare,specie quelle sugli addotti.
    Si e’ veramente una mosca bianca!
    Veramente…
    Ettore-Messina.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: