CENTRO UFOLOGICO TARANTO MAGAZINE

PORTALE DI DIVULGAZIONE E INFORMAZIONE UFOLOGICA, MISTERI SPAZIALI, STORICI E PALEONTOLOGICI

Piana di Giza: scoperte gallerie sotterranee sotto le piramidi?

Come si muove un gruppo archeologico “tutto di egiziani” per trovare le risposte speriamo che rivelino ciò che è davvero lì.
L’egittologo leader in Egitto, il dottor Zahi Hawass, ha rivelato che un gruppo di scavo sotto la sua direzione sta indagando una tomba antica, che è stata al centro delle dichiarazioni di una presunta scoperta di un mondo sotterraneo sotto le Piramidi di Giza.
Questo è un annuncio sorprendente per diversi motivi, non ultimo che il “presunto” sistema di grotte è già stato esplorato e fotografato dallo scrittore ed esploratore britannico Andrew Collins. Nel mese di agosto 2008, Collins ha annunciato di aver riscoperto l’ingresso ad un sistema di grotte inesplorate, e vi è entrato attraverso una tomba misteriosa diverse centinaia di metri ad ovest della Grande Piramide. Forse era il modo in cui Collins aveva scoperto la grotta, che ha causato la polemica. Molte osservazioni sono state effettuate sulle tre piramidi della piana di Giza, che appaiono leggermente disallineate. Non sono su una linea retta. Essendo ammirati dalla precisione matematica degli antichi egiziani, i ricercatori si sono chiesti il perché. Così, quando nel 1993 Robert Bauval e Adrian Gilbert nel loro libro best-seller “Il Mistero d’Orione” hanno identificato le tre stelle della cintura d’Orione, come corrispondenti alle posizioni delle Piramidi di Giza, la teoria è stata accolta con cauto entusiasmo. Non tutti erano convinti da tale teoria.
L’allineamento non era “perfetto”, ma era abbastanza vicino per molti egittologi. Ma non per Andrew Collins. 
 Collins ha scoperto un altro gruppo di stelle nella costellazione del Cigno, che ha trovato corrispondere con la stessa perfezione che era il marchio di fabbrica degli Egizi. Sovrapponendo le stelle del Cigno alle tre piramidi poteva vedere che una stella, Deneb, non era allineata. Ci doveva essere qualcosa – una piramide o tempio – ma non c’era niente. Forse il tempo l’ha distrutto? Forse è stato sepolto? O forse era un segno che qualcosa era sotto l’altopiano, in attesa d’essere scoperto.
Collins poi ha trovato indizi lasciati nelle memorie di due secoli fa, dal diplomatico ed esploratore britannico Henry Salt. Salt ha scritto che, nel 1817, lui e l’esploratore italiano Giovanni Caviglia aveva indagato le “catacombe” di Giza per una distanza di “parecchie centinaia di metri” prima di entrare in una “grande” camera. Questa camera era collegata a tre altre di uguali dimensioni, da cui partivano vari passaggi labirintici, uno dei quali in seguito esplorato dall’italiano per una distanza di “altri cento metri”.
Collins ha deciso di cercare queste grotte nella zona in cui la stella indicata del Cigno sarebbe stata allineata, in relazione alle tre piramidi. Ha scoperto una serie di catacombe, come Henry Salt aveva descritto, ma nessun segno di grotte. Poi, mentre stava per lasciare il sito, ha notato una rottura nel muro di una catacomba, che alla fine ha rivelato l’ingresso alla rete d’un enorme complesso di grotte. 
 Eccitato da questa scoperta grandiosa, Collins è andato immediatamente ad informare le autorità egiziane e si attendeva che anch’esse fossero emozionate come lui. Sbagliato!

Perché Cigno X-1 è insolita
A diverse migliaia di anni luce di distanza, vicino al “cuore” del Cigno, due stelle sono bloccate in un abbraccio gravitazionale. Una stella è una supergigante blu, nota come HDE 226868. Ha circa 30 volte la massa del Sole ed è 400.000 volte più luminosa. L’altra stella è da 5 a 10 volte la massa del Sole, ma è estremamente piccola. L’oggetto deve essere il nucleo collassato di una stella. La sua massa è troppo grande per essere una nana bianca o una stella di neutroni, però, quindi deve essere un buco nero – il cadavere di una stella che una volta che somigliava alla supergigante.
Il sistema è denominato Cygnus X-1, a indicare che è stata la prima fonte di raggi X, scoperti nella costellazione del Cigno. Scoperto dal satellite a raggi X Uhuru nei primi anni 1970, è stato anche uno dei primi sospetti di buchi neri.
I raggi X provengono da un disco di gas che forma una spirale dentro il buco nero. Poiché le due stelle orbitano una intorno all’altra una volta ogni 5,6 giorni, l’attrazione gravitazionale del buco nero fa sì che il supergigante blu presenti un “rigonfiamento” verso di esso. Di profilo, la supergigante somiglierebbe ad un uovo, con la piccola estremità rivolta al buco nero. Ma quest’uovo non ha un bordo liscio.
Invece, i flussi di gas caldo corrono dalla stella verso il buco nero. Il gas forma un ampio disco di accrescimento che circonda il buco nero. L’attrito riscalda il gas a un miliardo di gradi o più, facendogli emettere un torrente di raggi X – abbastanza per friggere qualsiasi cosa che vive all’intorno, nel raggio di milioni di miglia.
Ma la luce a raggi-X non è costante. Lampeggia e fornisce la prova che identifica il membro scuro della stella binaria come un buco nero. Il gas entra dal bordo esterno del disco di accrescimento poi si muove in spirali più vicino alla stella. Se il centro del disco contenesse una stella normale, o anche una stella di neutroni superdensa, il disco risulterebbe più caldo e luminoso fino in fondo al suo centro, con i brillanti raggi X provenienti dal centro. Invece,il bagliore dei raggi X taglia ben al di fuori del centro del disco. Osservazioni con telescopio spaziale Hubble mostrano che la regione centrale produce occasionalmente macchie di interruzione di gas intorno al bordo interno del disco e alla spirale nel buco nero.
Queste macchie sono accelerate a una frazione significativa della velocità della luce, in modo che girano intorno al buco nero centinaia di volte al secondo. Questo genera lo “sfarfallio” dei raggi X. Se le macchie del gas fossero in orbita intorno ad un oggetto più grande, non si sarebbero mosse tanto in fretta, quindi la loro rivoluzione ad alta velocità è una prova indiziaria che identifica il compagno scuro come un buco nero.
Il forte campo gravitazionale del buco nero “re-incanala” l’energia emessa da questo gas a lunghezze d’onda più lunghe e più a lungo. Alla fine, mentre il gas si avvicina l’orizzonte degli eventi, le modifiche diventano così grandi che il materiale scompare dalla vista – poco prima di formare le spirali nel buco nero.

Le autorità egiziane cercano di nascondere la scoperta della grotta
Secondo Collins,
“Il dottor Hawass [Segretario Generale del Consiglio Supremo delle Antichità per l'Egitto] effettivamente negò l’esistenza delle grotte. Lo ha fatto pubblicamente. Perché ha fatto questo è una questione dibattuta.
La spiegazione più semplice è che le indagini preliminari che hanno fatto seguito alla nostra visita per informarlo della scoperta di questa grotta, nel mese di aprile 2008, hanno fatto sì che i suoi, andati nella tomba, abbiano trascurato l’ingresso, come avevamo fatto anche noi inizialmente. “
Quindici mesi dopo, piegandosi alla ricerca effettuata da parte della stampa e degli studiosi egiziani, il dottor Hawass ha confermato di aver ordinato una squadra di ricercatori tutti egiziani, per esplorare la tomba al centro della controversia”. Polemiche? Come potrebbe una scoperta di una tale portata suscitare controversie?
“Stiamo cercando di comprendere questo complesso, ed è una catacomba del tardo periodo, come molte altre in tutto l’Egitto”, ha dichiarato questa settimana.
“Non c’è alcun mistero su di essa, e non vi è alcuna connessione con argomenti esoterici. Pubblicheremo i nostri risultati, come parte della nostra normale attività”.
Pur plaudendo al nuovo interesse dottor Hawass sul sito, Collins rimane scettico riguardo ai suoi motivi. “Sapevamo che nel mese d’agosto aveva iniziato a vuotare la tomba”, ha detto. “Gli scavi cominciarono quasi subito dopo che la notizia della scoperta della grotta è stata diffusa da Internet.”
Collins non è neppure convinto dalla spiegazione fornita da Hawass di ciò che egli chiama la catacomba”. “Usa ora il termine ‘sistema’ per suggerire che ha trovato ed è entrato nella grotta, della quale in precedenza aveva negato persino l’esistenza?” Chiede.

“Io e i miei colleghi abbiamo esaminato le prove fotografiche delle catacombe dinastiche in tutto l’Egitto, e tutte sembrano essere state scolpite da mani umane”. – Hawass
Ma le foto non mentono. Collins ha detto: “Quelle di Giza sono naturali, e penetrano in profondità nella roccia per molte centinaia di metri, forse seguendo il corso delle locali faglie geologiche.”

Anche se il dottor Hawass suggerisce che non ci sia alcun mistero che circonda la “catacomba”, Collins sospetta che le grotte si estendano al di sotto della seconda piramide, dove la tradizione antica mette la leggendaria tomba di Hermes, leggendario fondatore dell’Egitto. Ciò è importante perché Hermes è conosciuto come colui che condusse la Grande Sapienza e Collins sospetta che le camere potrebbe rivelare qualcosa lasciato da Hermes – qualcosa come la mitica Sala delle Memorie.

La Sala delle Memorie – come profetizzato da Edgar Cayce?
Secondo il leggendario veggente psichico, Edgar Cayce, le piramidi sono state costruite da una civiltà antica che aveva le sue origini in Atlantide. Questa grande civiltà esisteva da qualche parte verso il 10000 – 11000 a.C. e fu responsabile della costruzione della Grande Piramide, e conservò la storia del genere umano perduto in un locale chiamato “La Sala delle Memorie”.
“Le memorie sono una … [Esse contengono]” … una storia di Atlantide dalle origini di quei periodi in cui lo spirito ha preso forma e ha iniziato a stabilirsi in quella terra”. – Cayce
Le memorie si estendono attraverso le distruzioni prima di quella civiltà antica, l’esodo di Atlantide verso altre terre, e la distruzione finale di Atlantide. Esse contengono una descrizione della costruzione della Grande Piramide, così come una profezia di “chi, cosa, dove, sarebbe venuto [a fare] l’apertura delle memorie”.

Collins ha detto:
“Questo non è mai stato trovato. Quindi, forse, è ancora lì, in attesa di scoperta, da qualche parte vicino a dove Salt e Caviglia sono arrivati, quasi 200 anni fa”.
“Io credo che le grotte dove siamo entrati facciano parte di un più vasto complesso che si estende proprio sotto l’intera piana di Giza”.

Collins spiega che le grotte sono naturali e assomigliano ai buchi del formaggio svizzero. Egli ritiene che si siano formate molto tempo prima che le piramidi fossero costruite e suggerisce che potrebbero essere la ragione per cui le piramidi sono state costruite su questo sito. Le prime civiltà credevano che una parte del processo di morte coinvolgesse l’attraversamento del cosiddetto “Mondo sotterraneo” e queste grotte avrebbero potuto essere considerate come l’ingresso a questo mondo sotterraneo. Ci sono prove di attività umane nelle parti più profonde delle grotte.
Secondo Collins, “Le immagini satellitari tenderebbero a suggerire che le grotte … arrivino fino alla seconda piramide”. Un po’ ad ovest di qui gli archeologi hanno trovato una collezione di mummie di uccelli. Dal momento che la costellazione del Cigno è storicamente rappresentata come un uccello, un cigno in particolare, si è teorizzato che i fedeli depositassero volatili mummificati come offerta associata a questa configurazione stellare o forse per Socar, il dio dalla figura d’uccello che era il signore degli inferi. Dall’ingresso delle grotte sembra che si possa viaggiare verso la seconda piramide e direttamente sotto il punto in cui la stella del Cigno, Deneb, sarebbe in linea con le tre piramidi e le ali del Cigno. È in questo punto, che troveremo la famosa “Sala delle Memorie”? E’ volontà del governo egiziano consentire al mondo di sapere che cosa è davvero lì? Perché devono essere così gelosi del segreto?

Fonte originale (in inglese) http://www.viewzone.com/pyramidcaves.html

Fonte che per prima in Italia ha preso la notizia e l’ha tradotta  http://www.liutprand.it/articoliMondo.asp?id=289

About these ads

8 risposte a “Piana di Giza: scoperte gallerie sotterranee sotto le piramidi?

  1. JackdiSpade dicembre 16, 2009 alle 12:50 pm

    molto interessante, ma può mai essere che di ogni evento che possa avere un’interesse particolare… non ci sia mai una versione vera e sicura!
    Devono tutti tirare per la cutra sempre e sempre?!?!?!

  2. parvatim dicembre 16, 2009 alle 3:23 pm

    azz che ipotesi! speriamo che su questa benedetta sala degli archivi di atlantide si faccia più chiarezza.

  3. rick dicembre 16, 2009 alle 4:05 pm

    scoperta rivoluzionaria=antica scienza e conoscenza che torna a galla=”pilastri” della societa e del potere che si scuotono ecc..

  4. Antonello dicembre 16, 2009 alle 7:13 pm

    Eh caro Hawass, la verità sta emergendo .. meglio che ti defili, altrimenti inizierai a raccogliere ciò che hai seminato. Bugia con vergogna.

    Non capisco poi per quale motivo tenere nascosto tutto questo. E’ una ragione commerciale, turistica? Ma tu immagina quanti soldi potresti fare se solo dovessi rivelare tutta la verità riguardo le piramidi! Il mondo si inginocchierebbe ai tuoi piedi, e giù di soldi a palate, quindi come vedi i soldi arriverebbero comunque.

    Ma vabè. Comunque sia, è una buona interpretazione. Anche se il Dio del regno dei morti era Anubi, con la testa di sciacallo, e questo “Socar” mi appare nuovo.

    Speriamo che ci si accorga delle bugie di Hawass, e di ciò che nasconde, in modo da saperne di più magari, e speriamo presto.

    Antonello.

  5. Pino dicembre 19, 2009 alle 2:12 pm

    Mi sa che è tutta una bufala…
    Mettetevi nei panni di Collins… fate una scoperta così clamorosa e poi? Per prima cosa scatterei centinaia di fotografie (e filmati) a queste strutture sotterranee, poi le pubblicherei su internet col mio nome, ed infine andrei dalle autorità egiziane.

    Non vi pare un po’ assurdo che sulla rete non ci sia NEANCHE UNA FOTOGRAFIA delle succitate grotte? Mi sembra un tantino strano.

    Collins, ma che mi combini…

  6. petrucci michelangelo dicembre 29, 2009 alle 3:06 pm

    non c’è bisogno di scavare tanto per scoprire come sono state costruite le piramidi,basta cliccare su http:// http://www.bimare.org/sollevatore.htm

  7. sekmet settembre 18, 2011 alle 3:08 pm

    Da anni mi interesso alle piramidi e alle svariate ipotesi che fanno da cornice e una domanda mi sorge spontanea, se, davvero la disposizione dell piramidi rappresenta la cintura di Orione e, se davvero gli antichi ci hanno voluto lasciare un messaggio, perchè non ricreare, partendo dalle 3 stelle, la costellazione intera, se davvero vi è una carta geo-astronomica qui sulla terra, dove sono dislocati gli altri punti??
    Qualcuno ha scavato in direzione delle altre stelle che la compongono????
    Spero di essere stata chiara.

  8. FILIPPO novembre 12, 2011 alle 7:10 pm

    RISPONDO A PINO…
    ESISTONO EFFETTIVAMENTE DELLE FOTO RISALENTI AL 1925 MA PURTROPPO COME SPESSO ACCADE SONO STRETTAMENTE RISERVATE E SONO PRESSO UN MUSEO DI PARIGI …. DICONO CHE RITRAGGONO DEI CARTIGLI SU CUI EFFETTIVAMENTE SI PARLA DELLA FAMOSA “SALA DEI DOCUMENTI” MA NON CI E’ DATO SAPERE…… CHISSA’ FRA QUALCHE SECOLO….
    RISPONDO A SEKMET …..
    GLI ALTRI PUNTI FORSE SONO SAQQARA E UNO A NORD DEL CAIRO KE INSIEME A NILO FORMA LA COSTELLAZIONE DI ORIONE

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 143 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: