CENTRO UFOLOGICO TARANTO MAGAZINE

PORTALE DI DIVULGAZIONE E INFORMAZIONE UFOLOGICA, MISTERI SPAZIALI, STORICI E PALEONTOLOGICI

Foto che prova un “viaggiatore temporale”?

Premessa doverosa, la segnalazione che il CUT (Centro Ufologico Taranto) pubblica è inserita come notizia curiosa e non avalla teorie forzate, che al momento non hanno prove tangibili. La foto proviene direttamente da un museo virtuale del Canada, nella sezione che racchiude la “Community Memories” della popolazione di Gold Bridge (British Columbia), la quale fu colpita da una alluvione nel mese di novembre del 1940. Quando avvenne il fatto, il ponte South Fort Bridge fu distrutto. In una foto, presumibilmente dell’anno 1941, prelevata nel giorno dell’inaugurazione del nuovo ponte si nota una folla di curiosi entusiasti per l’avvenimento. Ma un elemento “alieno” (nel senso di estraneità all’ambiente circostante) è presente sul lato destro della foto, ossia un ragazzo con un abbigliamento post 1940, con occhiali moderni, una macchina fotografica che sembra dei nostri giorni, una sorta di t-shirt semicoperta da una giacchetta. Secondo alcuni siti sarebbe la prova di un “viaggiatore temporale”. Sarà vero?

Fonte: http://www.virtualmuseum.ca/pm.php?id=story_line&fl=0&lg=English&ex=234&sl=4793&pos=1

About these ads

44 risposte a “Foto che prova un “viaggiatore temporale”?

  1. alex marzo 22, 2010 alle 11:51 am

    Ciao a tutti. Ho analizzato la foto e, anche non essendo un esperto di analisi fotografiche, sono certo che è stata ritoccata. Strano ma è così. Come posso pubblicare la foto analizzata sul sito e mostrarvi il tutto?

    Grazie.
    Alessandro

  2. centroufologicotaranto marzo 22, 2010 alle 12:00 pm

    Ciao, puoi mandare la foto alla email del CUT centroufologicotaranto@gmail.com e poi nelle prossime ore la pubblicheremo. L’aspetto strano è come mai una possibile frode è stata inserita in una foto che appartiene agli archivi del Governo Canadese.

    Antonio De Comite
    (Direttore Generale Centro Ufologico Taranto)

  3. finalvjn marzo 22, 2010 alle 12:31 pm

    Anche per me è un fake…

  4. alex marzo 22, 2010 alle 12:55 pm

    centroufologicotaranto :
    Ciao, puoi mandare la foto alla email del CUT centroufologicotaranto@gmail.com e poi nelle prossime ore la pubblicheremo. L’aspetto strano è come mai una possibile frode è stata inserita in una foto che appartiene agli archivi del Governo Canadese.
    Antonio De Comite
    (Direttore Generale Centro Ufologico Taranto)

    Infatti è questa la cosa che non torna… Appena posso cerco di fare qualche ricerca storica sull’accadimento, magari ne esce fuori qualcosa…

  5. alex marzo 22, 2010 alle 12:59 pm

    Sto organizzandomi per produrre un PDF con l’analisi, perchè, altrimenti, la sola foto postata senza nessuna “didascalia” servirebbe ben poco…

  6. centroufologicotaranto marzo 22, 2010 alle 1:01 pm

    Va bene;)

    Antonio De Comite
    (Direttore Generale Centro Ufologico Taranto)

  7. Cosimo Boccuni marzo 22, 2010 alle 1:29 pm

    Salve a tutti, comunque si vede anche ad occhio nudo che l’immagine è stata ritoccata artificialmente ed il personaggio è stato inserito nel contesto. Il problema è, come dice il sig. De Comite, il fatto che la suddetta foto era negli archivi di stato del governo canadese. Attendiamo tutti dei chiarimenti, un saluto.

  8. Fulvio marzo 22, 2010 alle 1:38 pm

    Non è che è entrata nell’archivio in maniera un po’ particolare e senza essere verificata? Sto pensando ad uno scherzo o ad una foto fatta magari per la rivisitazione dell’evento con costumi dell’epoca (bizzarra teoria).

  9. franco29337 marzo 22, 2010 alle 2:42 pm

    Sono andato a vedermi il sito segnalato nella notizia dove è presente una ricca raccolta di foto d’epoca, purtroppo la qualita delle riprese originali non è delle migliori,non tutti i fotografi sono “Alinari”.Più che la foto si dovrebbe analizzare la ragione per cui veine pubblicata una tale FOLA,quì sembra un grossolana presa in giro non solo del Museo virtuale ,origine della foto, ma anche di tutti noi che le seguiamo Saluti F.

  10. Stefano marzo 22, 2010 alle 3:42 pm

    A me ha incuriosito la t-shirt, di solito a quel tempo andavano alla moda quelle universitarie, e cercando su immagini google, ho trovato un università canadese, con la M come simbolo, la… McGill University.
    Poi però non capendo se era una M o una Y con un altra lettera ad incrocio, ho allargato l’immagine, e ho notato che la lettera sul lato sinistro, avendo il ragazzo davanti a me, sembra essere tridimensionale e ritoccata.
    Provateci anche voi, portate l’immagine ad una grandezza dove iniziano a vedersi i pixel, e noterete l’effetto che ho visto io.
    Poi mi sbaglierò…però ho fatto un tentativo. Ciao!

  11. Giuseppe marzo 22, 2010 alle 4:38 pm

    Ad occhio sembra ritoccata, lo si nota subito appena vista, però insomma è solo un giudizio da profano e cmq in particolare il viso sembra proprio finto…

  12. FoxMulder marzo 22, 2010 alle 5:33 pm

    nessuno ha detto la cosa più importante e per altro rivelatoria del falso.

    Secondo voi un ipotetico “viaggiatore temporale” pur essendo a conoscenza di quanto può incidere la sua presenza in un’epoca diversa dalla sua, la cosa più furba che troverebbe da fare è quella di muoversi tra le altre persone indossando abiti moderni, occhiali da sole e magari fotocamera digitale?

  13. Aspide marzo 22, 2010 alle 6:00 pm

    Credo che FoxMulder ha detto tutto quello che c’era da dire.

  14. franco29337 marzo 22, 2010 alle 6:28 pm

    Ritorno sull’argomento,la macchina fotografica dovrebbe essere una banale macchia a soffietto,erano molto comuni all’epoca, quasi edentico apparecchio è in mano al soggetto in primo piano,con la cravatta a strisce diagonali la cui macchina è tenuta con un’inclinazione diversa.Si provi ad ingrandire l’immagine con lo zoom che si trova in basso a destra sul monitor,si distinguerà il pulsante per armare il diaframma o l’otturatore che per l’appunto si trovava all’estremità del gruppo ottico, per quanto concerne il volto, la lumunosità e la direzione della luce solare è identica a quella che appare sugli altri volti e senza sproporzioni di scala.X il Sig.FoxMulder,il falso è nella notizia, non nella foto.Qualcuno penso, non del CUT, ci stà prendendo per i classici fondelli, ed ora magari si sbellicherà dalle risa vedendoci smanettare sulle tastire. Saluti F.

  15. gianluca marzo 22, 2010 alle 6:54 pm

    si facendo una analisi visiva ravvicinata si vede bene lo stacco netto di pixel sul lato sinistro del soggetto e sulla giacca nera che cia il signare alla sinistra del soggetto un saluto ad alessandro mio conoscente

  16. MilloRN marzo 22, 2010 alle 7:34 pm

    scusate ma io non vedo nessun ritocco così ad occhio nudo, non sarò un esperto ma la foto è fatta molto bene se è un falso…

    cmq il tipo è allucinato duro con quei capelli!!! ahaha :D

  17. PAT marzo 22, 2010 alle 8:31 pm

    Ciao,…mi sembra solo strano che le altre persone presenti “non si accorgano di lui”, se accanto a me vi sarebbe una persona vestita, che sò, come nel 500 si girerebbero tutti, in questo caso no, sembra quasi normale agli altri che vada vestito così…un tarocco quindi ?? potrebbe trattarsi di un tarocco artistico, una cosidetta provocazione intellettuale – inoltre il taglio di capelli mi sembra degli anni 40 !!!!!

  18. PAT marzo 22, 2010 alle 8:37 pm

    Ciao,…mi sembra solo strano che le altre persone presenti “non si accorgano di lui”, se accanto a me vi sarebbe una persona vestita, che sò, come nel 500 si girerebbero tutti, in questo caso no, sembra quasi normale agli altri che vada vestito così…un tarocco quindi ?? potrebbe trattarsi di un tarocco artistico, una cosidetta provocazione intellettuale – inoltre il taglio di capelli mi sembra degli anni 40 !!!!!
    Chiedo scusa se reintervengo, ma vedete quel signore con il cappello posto subito dietro la spalla del destra del “viaggiatore”, secondo me gli amnca qualche cosa, il suo corpo come fa ad incastrarsi tra il giovanotto e l’altra persona ancora più indietro, come se il giovanotto fosse stato incollato almalcapitato togliendogli la sostanza…non sò se son riuscito a spiegarmi, spero di si .

  19. talkeim marzo 22, 2010 alle 9:24 pm

    Ragazzi… mai sentito parlare di photoshop? ;-)

  20. Eric marzo 23, 2010 alle 12:42 am

    Ma con tutti gli argomenti di cui potremmo parlare, sprechiamo il nostro tempo cosi’? Ma dai……

  21. franco29337 marzo 23, 2010 alle 10:37 am

    Anche stavolta hai fatto centro, bravo Eric. Saluti F.

  22. Ricerca marzo 23, 2010 alle 12:19 pm

    FoxMulder :
    nessuno ha detto la cosa più importante e per altro rivelatoria del falso.
    Secondo voi un ipotetico “viaggiatore temporale” pur essendo a conoscenza di quanto può incidere la sua presenza in un’epoca diversa dalla sua, la cosa più furba che troverebbe da fare è quella di muoversi tra le altre persone indossando abiti moderni, occhiali da sole e magari fotocamera digitale?

    Aggiungo anche, senza essere notato dai presenti, che invece di guardare il ponte, dovrebbero guardare lui, come una specie di alieno …

  23. PAT marzo 23, 2010 alle 8:04 pm

    Hai ragione Fox….inoltre dato che la fotocamera digitale assomiglia a quelle attuali, si ipotizza che il viaggiatore dovrebbere essere della nostra epoca attuale,….bhe se troviamo difficoltà a spostarci con i treni pendolari, figuriamoci a viaggiare nel tempo, se ciò mai avverrà, sarà fra 1.000 2.000 anni, non certo oggi…..e non credo che esisteranno ancora macchine digitali come quelle di oggi, ma probabilmente già incluse nel nostro cervello !!!!!!!
    Almeno che non lo facciano già i vari “illuminati” “cospirazionisti” “aree 51″ varie ecc… (ah…ah…ah)

  24. MilloRN marzo 24, 2010 alle 12:22 am

    Se ci fosse la foto in digitale dell’inaugurazione del ponte sarebbe una bella controprova ahaha :D

  25. massimo marzo 24, 2010 alle 6:34 pm

    Inoltre quella del viaggiatore temporale immortalato nelle foto d’epoca è la trama di un filmetto americano degli anni ’90.

  26. egy marzo 25, 2010 alle 3:02 am

    guarda che se ti stai riferendo a L’ESERCITO DELLE 12 SCIMMIE sciacquati la bocca prima di chiamarlo filmetto XD

  27. Alex marzo 25, 2010 alle 11:43 am

    A me non sembra un falso, la fotografia…

    Ho analizzato un pochino l’abbigliamento del “sospetto” e non mi smebra così anacronistico:

    gli occhiali, già c’erano negli anni ’40:
    http://blog.modernmechanix.com/mags/qf/c/PopularScience/9-1940/med_adjustable_glasses.jpg

    il giubbetto (il terzo da sinistra? che ne pensate, può calzare?)
    http://i156.photobucket.com/albums/t21/what-i-found/Bellas%20Hess/BellasHessMale_2.jpg

    Io penso (la butto lì, è solo un’ipotesi) che possa trattarsi di un fotoreporter inviato all’inaugurazione del ponte. Si spiegherebbe l’abbigliamento casual, e lo “strano” oggetto che tiene in mano, poterebbe essere, in questo caso, una macchina fotografica.

    Che ne pensate?
    http://www.audiofanatic.it/personale/foto/pic_foto/Macchina_foto.JPG

  28. Andrea marzo 25, 2010 alle 2:10 pm

    Alex! veramente non male!

  29. Ivano marzo 25, 2010 alle 3:48 pm

    Andrea :
    Alex! veramente non male!

    Sono l’autore del post n. 27, volevo rispondere all’ “alex” del primo commento, ma ho finito per scrivere il nome del destinatario nella casella del nickname

    …piccolo lapsus e precisazione a scanso di equivoci :-)

  30. mirco marzo 26, 2010 alle 11:51 am

    la ragazza alla sinistra del tipo ma al centro foto lo guarda e anche in modo curioso .. nn notate

  31. undercoma marzo 27, 2010 alle 4:38 pm

    Ci aggiungo del mio, cosi’ giusto per. Io per quanto mi riguarda il blog di attivissimo non lo prenderei mai in considerazione, per il semplice motivo che ogni cosa per loro è feccia, non fanno analisi su nulla si limitano cosi’ come fanno i creduloni a dire o tutto vero o tutto falso. Detto cio’…

    Anche io ho fatto un analisi, ci sono delle anomalie, ma potrebbero essere dettate da motizioni diverse. Sono un fotografo e mi occupo di grafica e sono anche attratto da certe cosette alieneggianti (giusto per avere un quadro di me).

    - Le luci e obre sembrano stare tutte nella stessa direzione.
    - L’inserimeto della figura del ragazzo sembra essere discreta, reale direi.
    - Non mi convincono le sue mani.
    - non mi convince lo zigomo visibile che sembra avere una sbavatura dovuta ad un cattivo utilizzo di strumenti grafici tipo tampone di photoshop per intenderci.
    - Non mi convince l’ombra che genera l’orecchio sulla guancia.
    - Sembra avere una giacca di pelliccia tipo astracan (tessuto usato in quegl’anni), ma la manica del braccio destro sembra essere di conformazione tessuto e colore diversi. Potrebbe essere tranmquillamente una giacca con maniche di colore diverso.
    - La maglia sotto con quella “M” potrebbe essere si una t-shirt ma anche un maglioncino di cotone.
    - Non ha basette, tipico di quegl’anni, direi tipo balilla, anche se riflettendoci potrebbe trattarsi di un effetto involontariamente generatto dalla contraffazione grafica sulla guancia per ombra ed occhiali.
    - La macchina fotografica potrebbe essere qualsiasi cosa, in quel periodo cerano appunto macchine a soffietto e quindi in mano ci sta benissio. Se notate ce un tizio a sinistra in basso che ha in mano un’altra cosa che potrebbe essere appunto qualsiasi cosa.
    - gli occhiali sembrano strani. Sembrerebbero occhiali da sole con le protezioni, tipo avvolgenti, solitamente si sono visti in qualche film tipo Mad Max. Anche qui non vorrei che fosse un effetto della contraffazione.

    In ultimo voglio comunque ricordare che quando vengono acquisite stampe vecchie, come in questo caso, magari con degli scanner, gli errori generati da una cattiva acquisizione possono falsare l’immagine. Allo stesso modo puo’ succedere che il tempo che degenera tutto, possa aver danneggiato la stampa originale e magari dopo la fase di acquisizione dell’immagine stessa, qualcuno possa averla ritoccata per apportare delle correzioni di pulitura.

  32. W.B. marzo 27, 2010 alle 5:33 pm

    ovviamente, per chi mi conosce e conosce il mio blog (http://insolitanotizia.blogspot.com/) non rischia di confondermi tra debunkers o debunkeretti. Anzi per quanto lo odi mi si etichetta spesso come “complottista”, termine insulso e qualunquista.
    Ciò nonostante sul sito di Attivissimo l’analisi mi sembra logicamente esaudiente: trattasi di foto vera, senza niente di strano, come effettivamente sembra, di una cerimonia di riapertura di un ponte in Canada negli anni ’40.
    tutto è conforme alla moda dell’epoca: occhiali, maglia, pettinatura etc.
    potrebbe anche essere un falso, ma obiettivamente è difficile.
    Comunque che sia chiaro: io sono il primo a detestare un certo tipo di mentalità scientista psiconormalizzante come la cricca del sito succitato, ma la logica è logica, e non c’è nessun elemento in questa immagine che possa far pensare seriamente ad un crononauta.
    comunque dubito che qualcuno riesca a dire la parola fine nell’analisi di questa foto (sempre se autentica). Bisognerebbe conoscere il protagonista o risalire a qualcuno che possa identificarlo.

  33. Xolotl marzo 30, 2010 alle 8:45 pm

    Mi è piaciuto molto come tutti abbiano giurato che era un fotomontaggio all’inizio, tranne scoprire che non solo non lo era, ma non è neppure anacronistico.

  34. nino232323 aprile 6, 2010 alle 4:43 pm

    Potrei mettere la parola fine all’analisi di questa foto
    allora…ho analizzato per 3 ore la foto,ecco la mia relazione, sicuramente non è molto errata:

    1) la foto originale non ha metadati…molto probabilmente perchè è stata scannerizzata, ma NON fatta con qualche programma di fotoritocco perchè altrimenti sarebbe comparsa nei metadati.
    2)i pixel non possono affermare il vero o il falso solo perchè vi è una demarcazione o una deformazione…l’analisi si fa sull’uniformità della luce e sulle sorgenti luminose, e da questo devo dire che la sorgente luminosa del ragazzo ha il fuoco esattamente uguale a quella delle altre persone, cioè il sole.

    Quindi il ritocco è da escludere.

    Il cosiddetto “time travel”, che penso sia da escludere poichè un time traveler non si lascerebbe riprendere così facilmente e in pubblico, magari si camufferebbe con i vestiti dell’epoca.

    Analizziamo il soggetto, cosa può renderlo diverso rispetto agli altri?
    3 cose: gli occhiali, la maglietta(più il giubottino) e la macchina fotografica che alex ci ha fatto notare che esistono..

    quindi la foto è vera e dell’epoca ;)

  35. max aprile 11, 2010 alle 12:24 pm

    ragazzi ma dico io e’ sfuggito a tutti? la montatura in plastica! I polimeri come il moplen vennero inventati dopo la guerra se notate nessuno poteva avere quel tipo di montatura di occhiali, dato che ovviamente quel tipo di plastica sarebbe stata inventata anni dopo! Peccato il signor viaggiatore del tempo qui ha fatto un grosso errore non si e’ tolto gli occhiali con la montatura in plastica. Notate le altre montature degli occhiali e’ ovvio che il tizio sia fuori luogo e la prima cosa che si notano sono proprio gli occhiali e la loro montatura che stonano con gli altri.
    La foto secondo me e’ vera e il sospetto che quel tizio sia oophum e’ secondo me piuttosto evidente. Grandissima scoperta.

    P.s. Non e’ detto che il viaggiatore si fosse accorto che qualcuno gli stesse scattando una foto nella confusione

  36. marco agosto 9, 2010 alle 2:30 am

    ma scusate solo io leggo a lato della macchina fotografica la scritta CANON? ma che i giapponesi prima dell’attacco di pearl harbor vendevano macchinette compatte agli americani?
    Si legge con fatica ma è chiara la scritta Ca non
    poi le t-shirt furono inventate nel 1948 per la campagna delle elezioni di newyork ben 8 anni dopo.
    Cacchio ma è possibile che solo io riesca a leggere la scritta sulla macchinetta “CANON”?

  37. laura ottobre 29, 2010 alle 1:46 pm

    salve a tutti, una cosa che ho notato io invece, è l ombra del viso dell uomo sospetto, non coincide se consideriamo la fonte luminosa solare. L inclinazione è giusta ma a livello dello sigomo c’è un ombra che non combacia con nessun elemento!

  38. Eduardo Mascayano novembre 5, 2010 alle 9:44 pm

    I will tell you why this photo is fake:

    Look at his left cheek.. there is no hat or person beside him that could throw that shade over his face.. Neither could be his sun glasses because the sun is shinning from his left side and not above him..
    Lastly he is staring at the floor while the other people is looking straight-forward the scene..

    “Do not believe everything you breathe”

  39. Fra novembre 7, 2010 alle 2:48 pm

    A me sembra che abbia un gilet… E sotto la maglia con la M.. Le maniche mi sembrano compatibili con il petto.. Basette simili a quelle degli altri..Taglio capelli anche.. Occhiali anche (ne ho visti simili in alcune foto di nazisti, quindi..).. Certo, è più giovane ed alto degli altri.. Ma è tutto compatibile con l’epoca..

  40. miki novembre 11, 2010 alle 4:46 pm

    salve atutti a me sinceramente sembra molto piu’ fuori luogo la persona al
    centro della foto che indossa quella che sembra una modernissima giacca a vento bianca
    con cappuccio anche la faccia e il taglio dei capelli sono diversi dall’epoca

  41. xtittox aprile 16, 2011 alle 6:21 pm

    fake, l’ombra dell’orecchio ha un’inclinazione diversa dalle altre ombre( uomo con cappello alla destra ) e visto che i raggi del sole sono paralleli la foto e’ falsa

  42. federica aprile 21, 2011 alle 6:15 pm

    sono esperta di fotoritocchi e l’intruso è un nuovo inserimento. si vede dalla densità del grigio (soprattutto nella parte che cade quasi a contatto con la signora con la giacca a quadretti) e dalla luce che cade con svariati gradi di più sulla guancia. se me la volete mandare la guardo nei pixel a ingrandimento massimo (e lì che posso controllare la grana dei grigi) e vi dico in pochi minuti. saluti!

  43. federica aprile 21, 2011 alle 6:21 pm

    ho controllato da sola scaricandomela. l’inserimento non è stato fatto. la foto è originale, la grana dei pixel la stessa e la macchina che ha in mano è una vecchia rolley che già esisteva… l’abbigliamento non è quello il problema. in america i golf con le lettere esistono da prima della guerra. furono fatti intorno agli anni 30…, così come quel tipo di giubbotti a “lanaccia”. nessun viaggiatore temporale, ma uno come tanti nella foto…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 143 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: