CENTRO UFOLOGICO TARANTO MAGAZINE

PORTALE DI DIVULGAZIONE E INFORMAZIONE UFOLOGICA, MISTERI SPAZIALI, STORICI E PALEONTOLOGICI

Newton si è sbagliato, la gravità non esiste

La teoria degli universi paralleli funziona anche come una metafora letteraria e ci sono tre modi per raccontare questa storia. Nella prima versione un ladro nel Sud della Francia fa sparire computer, passaporto e carta di credito di un celebre scienziato. La seconda versione racconta la vita di due gemelli monozigoti la cui vita procede perfettamente identica, fino a un divorzio che spezza l’armonia. La terza storia ci rivela che la teoria della gravità di Isaac Newton è un’illusione. Quest’ultima ci porta alla scoperta dell’universo “olografico”, della “teoria delle stringhe” e altri termini esoterici, misteriosi e affascinanti. Nonostante le apparenze è più facile partire dalla fine.

La teoria della gravità è forse la più formidabile legge della fisica, il principio più evidente e universale perché corrisponde a un’esperienza empirica irresistibile. Il bambino ancora non sa parlare e uno dei primi giochi in cui si trastulla dal seggiolone, consiste nel far cadere il cucchiaio della pappa. Lo spettacolo è affascinante nella sua ripetitività. Afferra il cucchiaio, lo solleva, lo lascia cadere, e ogni volta il miracolo si ripete: quell’oggetto viene attratto irresistibilmente a terra, costringendo il paziente genitore a raccoglierlo. Ognuno di noi all’età di 18 mesi è stato Newton senza saperlo. Ebbene, ricrediamoci: la forza di gravità è un’illusione, una beffa cosmica, o un “effetto collaterale” di qualcos’altro che avviene a un livello molto più profondo della realtà.

L’abbandono di Newton era già stato anticipato dalla relatività di Albert Einstein ma ora avviene una rottura ancora più radicale. Un celebre fisico matematico olandese-americano, il 48enne Erik Verlinde che ha già legato il suo nome alla “teoria delle stringhe” (la supersimmetria negli universi paralleli), sta agitando il mondo accademico degli Stati Uniti con una serie di conferenze in cui fa a pezzi la teoria della gravità. Da Harvard a Berkeley, i colleghi scienziati lo stanno prendendo molto sul serio. La sua nuova visione infatti può gettare una diversa luce su alcuni dei grandi temi della fisica contemporanea: la cosiddetta dark energy (energia oscura), una sorta di anti-gravità che sembra accelerare l’espansione dell’universo, o la “materia oscura” che ipoteticamente tiene unite le galassie.

Andrew Strominger, fisico-matematico di Harvard, è uno dei colleghi di Verlinde che non nasconde la sua ammirazione: “Queste idee stanno ispirando discussioni molto interessanti, vanno dritte al cuore di tutto ciò che non comprendiamo del nostro universo“. Verlinde è l’ultimo di una serie di scienziati che da trent’anni a questa parte stanno smantellando pezzo dopo pezzo la teoria della gravità. Negli anni Settanta Jacob Bekenstein e Stephen Hawking hanno esplorato i legami tra i buchi neri e la termodinamica. Negli anni Novanta Ted Jacobson ha illustrato i buchi neri come degli ologrammi, le immagini tridimensionali usate per la sicurezza delle nostre carte di credito: tutto ciò che è stato “inghiottito” ed è sparito dentro i buchi neri dell’universo, è presente come un’informazione stampata nell’ologramma, sulla superficie esterna. Juan Maldacena dell'”Institute for Advanced Study” ha costruito un modello matematico dell’universo espresso come un barattolo di minestra in conserva. Tutto ciò che accade dentro il barattolo, inclusa quella che chiamiamo la gravità, è sintetizzato nell’etichetta incollata all’esterno: fuori invece la gravità non esiste.

È a questo punto che entrano in gioco i gemelli e il ladro, che sembrano presi da sceneggiature di film surrealisti. Lo scienziato Erik Verlinde, autore di una formula algebrica che porta il suo nome, ha un fratello monovulare: Herman. Le loro due vite sono state identiche per molto tempo. I gemelli sono due matematici molto rispettati. Si sono laureati insieme all’università olandese di Utrecht nel 1988, insieme andarono in America per proseguire gli studi a Princeton, dove tutti e due ottennero la cattedra. Sposarono due sorelle. Divorziarono. E solo a questo punto una leggera discrepanza si è introdotta nel meccanismo delle loro vite speculari. Herman è rimasto a Princeton, Erik ha deciso di vivere ad Amsterdam per essere più vicino ai figli.

L’estate scorsa, mentre era in vacanza nel sud della Francia, un ladro gli portò via il laptop, le chiavi di casa, il passaporto. “Fui costretto a fermarmi una settimana in più”, racconta Erik. Una settimana di cogitazioni che è stata fatale per l’eredità di Newton. Pensate all’universo come una scatola dello scrabble (lo scarabeo, ndr), il gioco in cui si compongono parole con le lettere dell’alfabeto. Se agitate la scatola e sparpagliate le lettere a caso, c’è una sola possibile combinazione che può darvi una poesia del Leopardi. Una quantità pressoché infinita di combinazioni non hanno alcun significato. Più scuotete la scatola delle lettere più è probabile che il disordine aumenti via via che le lettere si combinano per ordine di probabilità. Questo è il nuovo modo di vedere la forza di gravità, come una forma di entropia. O un “effetto collaterale della propensione naturale verso il disordine”. Se non è chiaro che cosa la sostituirà, e ancora siamo ben lontani dall’immaginare le possibili applicazioni pratiche, su un punto Verlinde è categorico: “Il re è nudo. Da tempo si era capito che la gravità non esiste. Ora è giunto il momento di gridarlo“.

Fonte: http://www.repubblica.it/scienze/2010/07/15/news/gravit_non_esiste-5595002/

Annunci

15 risposte a “Newton si è sbagliato, la gravità non esiste

  1. Francesco luglio 19, 2010 alle 9:14 am

    Non ho capito bene la base scientifica per cui si dice che la gravità non esiste… qualcuno sà spiegarmelo? grazie in anticipo…

  2. franco29337 luglio 19, 2010 alle 2:54 pm

    @ francesco , l’articolo non è completo ed è naturale che sorgano dubbi,l’originale è abbastaza più lungo e la conclusione , per me , è che tutti viviamo una realtà olografica tipo “Matrix” per cui i nostri sensi percepiscono tutto come reale , in realta , tutto attorno a noi scorrerebbe come in un videogioco interattivo ed ogni nostra reazione , di qualunque natura sia , apre dei sottoprogrammi perfettamente mirati alla scelta fatta. In pratica si tratterebbe di un mostruosamente grande e perfetto gioco di sumulazione ed altrettanto veloce , dove tutto è previsto , anche il fatto che ora io stia scrivendo. Nell’articolo non ho capito come possa finire il gioco, ne se mai finirà, però ripensandoci ogniuno di noi sà che prima o poi appare la scritta GAME OVER . Il perchè di tutto questo me lo dovra spiegare chi ne sà più di mè in fisica quantistica o di filosofia , io sono un semplice lettore appassionato. Saluti F.

  3. Francesco luglio 19, 2010 alle 3:58 pm

    Beh se la mettiamo in questi termini così fantasiosi ci sono milioni di modi per immaginare la realtà…uno dei quali è quello cui tu hai citato(matrix) ma senza prove scientifiche si fa poco…

  4. franco29337 luglio 19, 2010 alle 4:31 pm

    @ francesco, se ci riesco ti trovo l’articolo come l’ho letto io , le conclusioni le trai tu.
    E’ dura da digerire , ma potrebbe essere così.

  5. Francesco luglio 19, 2010 alle 7:39 pm

    @franco, mi faresti un gran favore se mi linkassi l’articolo completo! ciao e grazie in anticipo…

  6. franco29337 luglio 19, 2010 alle 10:16 pm

    @francesco, sono alcune ore che cerco l’articolo ma non l’ho ancora ritrovato , in ogni caso puoi leggere su edicolaweb(ufostorie – l’universo è un’illusione)un’articolo analogo , spero ti sia utile. Domani ripprenderò la ricerca e se trovo l’articolo te lo scrivo. Saluti F.

  7. piero luglio 20, 2010 alle 10:49 am

    @francesco Come al solito, i giornalisti tendono al sensazionalismo, La teoria delle stringhe, non dice che newton ha sbagliato, anche perche i suoi calcoli funzionano, dice solo al posto di quella cosa che fino ad ora noi abbiamo chiamato gravita’, potrebbero esserci delle,particolari vibrazioni delle suddette stringhe.
    Tale teoria, ripeto, teoria, e’ nata, con lo scopo di unificare le varie teorie fisiche che si occupano del macrocosmo e del microcosmo, quindi e’ affascinante, anche per questo.
    Ti faccio un esempio, secondo questa teoria si puo’ mettere in discussione qualsiasi cosa, i colori sono soltanto delle vibrazioni elettromagnetiche di frequenze diverse, ed ognuno reagisce ed e’ reattivo a queste frequenze, in modo diverso, ( ecco il mondo matrix o olografico)….ecc.ecc..Comunque se vuoi saperne di piu’ ti consiglio di leggerti Oltre Einstein. Scritto da un ottimo scienzato teorico e un grande divulgatore scientifico, Michio Kaku,teorico anche lui della teoria delle superstringhe, detta anche Teoria del Tutto. P.S Einstein non era completamente d’accordo con i calcoli di Newton, ma la Fisica e’ fatta in questo modo, con gli anni migliora, come il vino buono.

  8. ian luglio 20, 2010 alle 10:58 am

    se cercate forza di gravità su Wiki, scoprirete che è proprio il concetto di forza che è ancora dibattito di discussioni fra gli scienziati. la gravità esiste eccome.
    salut

  9. Francesco luglio 20, 2010 alle 11:38 am

    @franco, grazie mille! sei gentile.

  10. franco29337 luglio 22, 2010 alle 10:12 am

    @francesco , non ho dimenticato , vai su google, batti newton, alla 11° voce troverai una parte dell’articolo in questione. ciao f.

  11. Francesco luglio 22, 2010 alle 3:32 pm

    @franco, grazie mille…

  12. Aiace luglio 23, 2010 alle 12:06 am

    Come detto da altri:
    1) Quella delle stringe è una teoria. Anzi meno: è un modello matemetico che “spera” di rappresentare la realtà conosciuta meglio di quanto lo facciano le vecchie teorie e le recenti concorrenti. Per il noto principio che “ogni scarrafone è bello a mamma soja” ogni matemetico che ha destinato la propria vita su una teoria piuttosto che un’altra spergiurerà che la sua è l’unica che rapprensenterà la realtà mentre le altre sono solo “modelli matematici astratti”. In realtà ognuna di esse è valda una volta fissata una certa approssimazione e soltanto limitatamente . Trovare la teoria che funziona sempre e con precisione infinita equivale a vendere l’olio di serpente, panacea di tutti i mali (ovviamnte non esiste ma è una vecchia truffa americana del vecchio far west)

    2) La teoria delle stringe riesce a spiegare anche le materia e l’energia oscura e torna persino coi dati sperimentali. Peccato che sia stato scoperto recentemente che i dati sperimentali forniti dal satellite (di cui mi sfugge il nome) in realtà si sono dimostrati sbagliati poichè il satellite è spreciso oltremodo nella misura per il quale è stato costruito. In pratica, ne la materia, ne l’energia oscura sono più necessarie per spiegare l’accelerazione dell’univeso perchè non stà accelerando affatto. Alla fine le vecchie teorie di Einstein restano validissime.

    3) La domanda nasce spontanea: poichè la materia oscura non esiste più come fa la teoria delle stringhe ad essere esatta se porta a risultati esattamente sbagliati ? Risposta: semplice, essendo un modello matemtico lo si adatta sempre come si vuole. Tra 2 giorni uscira la versione 1123,47Beta , con l’energia e materia oscura depennata, tramite la quale, per induzione diranno una sciocchezza qualsiasi, tipo che tutto l’universo è un unico punto ma sognamo di essere tridimesionali in un universo infinito perchè i nostri miseri sensi amano ingannarci.

    Sinceramente…..Eee BASTA !!!!!

    Ciao
    Aiace

  13. RUSSO Vincenzo settembre 22, 2010 alle 12:16 pm

    Segnalazione sito: il Tachione il dito di Dio.
    Nel sito http://www.webalice.it/iltachione si può leggere gratuitamente in rete la teoria unificata dell’universo fisico e mentale, secondo il pensiero sineterico.
    La tesi fondamentale afferma che la gravità non è una qualità della materia ma una reazione astratta all’estensione angolare .Le successive dimensioni spaziali estendendosi a partire dal punto ,alla retta ,al piano e ai volumi, determinano reazione all’ipotesi immaginaria di estensione nello spazio tempo.
    Pertanto le ragioni invisibili delle apparenze fisiche sono astrazioni di teorema matematici.
    In pratica non ci sono fenomeni fisici ma solo rappresentazioni mentali dell’osservatore.

  14. RUSSO Vincenzo ottobre 30, 2010 alle 5:56 pm

    RUSSO Vincenzo
    ott 29th, 2010
    Vittorio Catani
    Sono andato sul sito “Il Tachione…”
    Teoria originale, ardita e che – ahimè – per mie carenze tecniche non sono in grado di comprendere appieno, come forse sarà per altri lettori.
    Forse, se ci si pone il fine d’essere compresi da quanta più gente è possibile, un linguaggio meno specifico avrebbe giovato, sia pure a costo di qualche semplificazione.
    Comunque: complimenti. Non è da tutti.

    RUSSO Vincenzo
    Caro Vittorio Catani ,la teoria unificata deve correggere duemila anni di errori di filosofia ,che hanno influito sulla logica ,sulla matematica e sulla fisica. Ora per correggere tutto questo ,po,po di scienza travisata ,occorre una nuova semantica .Cioè si devono dare nuovi significati a parole ed espressioni in uso da secoli.Non che sia tanto difficile in se.Il difficile e rimuovere i pregiudizi stratificati nella cultura nota.Per esempio INFINITO oggi significa qualcosa d’immenso e magnifico. In realta è un numero e una qualità incompleta. Un numero non finito. Cioè non è un numero intero. Quindi non rappresenta grandezza ma incompletezza. Gli antichi della magna grecia usavano invece i due diversi termini limitato,(cioé completo),per esprimere grandezza e illimitato,(cioè incompleto), per definire la rarefazione dei numeri primi nel nulla. Va meglio?
    PROVIAMO CON UNA NUOVA MAIL QUI DI SEGUITO.
    LEGGETEMI PERO’ IN MODO ESTESO anche SUL MIO SITO, PER UNA COMPRENSIONE MIGLIORE.
    SALUTI DA VINCENZO
    Vi TRASMETTO UN’ALTRA MIA MAIL MOLTO DIFFUSA IN RETE.
    risposte a BIOLOGI NEODARWINISTI e scienziati agnostici o atei.
    RUSSO Vincenzo scrive:
    ottobre 26, 2010 alle 12:16 pm
    Tutte le teorie della scienza non sono conclusivamente galileane.
    Altrimenti diventano leggi della natura e non sono più teorie.
    Quindi le ragioni invisibili per essere ,sono molto più profonde delle cause visibili presunte ,e lo sono più importanti ,persino di quelle cause sperimentalmente verificate. Infatti ogni esperimento è vero solo fino a quando si ripete identico.
    UN BRAVO DI SETTORE DUNQUE A RICHARD LEWONTIN biologo antievoluzionista.
    La scienza è fede quanto la religione ,ma è difficile farlo ammettere. Eppure la teoria standard e la matematica stessa sono solo ipotesi ipotetico deduttive ,valide solo nel loro proprio sistema assiomatico. Vale a dire che sono incomplete o indecidibili. In pratica non sono false ,perchè sono ipotesi coerenti nel proprio sistema assiomatico. Con ciò non sono neanche vere però ,ma sono solo finte ed immaginarie costruzioni mentali. Le congetture non sono invece nemmeno costruibili e quindi sono false.
    Allora il mondo visibile è una costruzione mentale, realizzata con teorema coerenti ma finti.
    Per concludere .A quali giudizi si devono sottoporre i concetti sintetici ed analitici per trovare le leggi naturali galileane visibili ed invisibili? Ovvero come si trova anche il perché dell’esistere ?
    RISPOSTA : Con il giudizio completo della logica sineterica. Vedi sul sito http://www.webalice.it/iltachione ,soprattutto al volume V : “il tempo e il pensiero”.

  15. Cortesi Giancarlo Carman giugno 14, 2011 alle 11:41 pm

    Nel mio laboratorio si è accertato con prove ontologiche che la gravità è una forza fittizia
    si è constatato che tanti fenomeni , dati per certo , fino ad oggi siano formati dalla gravità
    vedi apogei perigei perieli, afeli,, luna piena, luna nuova, ecc. Questi fenomeni sono provocati dalle O.G. lunari in contrapposizione alle O.G. terrestri. che venngono a scontrarsi in opposizione di fase . vedi http://www.cortesi-gravity.it
    Sò purtroppo che concepire queste novità è fatica , ma gli esperimenti dicono così

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: