CENTRO UFOLOGICO TARANTO MAGAZINE

PORTALE DI DIVULGAZIONE E INFORMAZIONE UFOLOGICA, MISTERI SPAZIALI, STORICI E PALEONTOLOGICI

Il RIT alle prese con un nuovo prototipo simile ad un UFO

I ricercatori del Rochester Institute for Technology hanno effettuato un esperimento di successo che potrebbe farci vedere strani oggetti non identificati nei cieli nei prossimi decenni.

Il modello di un prototipo ad “ala” in vetro in sospensione liquida attraverso l’influenza della luce, è stato sperimentato lo scorso martedì dal RIT. Il concetto è lo stesso utilizzato per gli aereomobili convenzionali, ma si pensa che questo metodo possa essere utilizzato per i prossimi viaggi spaziali. E’ possibile vedere i dettagli della produzione sul sito della BBC.

Il collaudo di questi prototipi potrebbe far gridare facilmente all’ UFO, sia per conformazione che per tecnologia “lightfoil” (ndr, “lamina di luce”) utilizzata. “Questi velivoli costruiti del tutto o quasi in materiali “see-thru” (ndr, “guardare attraverso”), guidati attraverso la luce, non fanno forse pensare a qualcosa che viene da un film di fantascienza?” (ndr, l’articolo dice “space movie”) Spiega Livingston County di fisica delle particelle laico Scott O’Dell.

E’ improbabile che riusciremo a vedere presto questo tipo di velivolo, il primo esperimento è stato effettuato in un ambiente controllato con piccole bacchette di vetro utilizzate come ali. La semplicità del concetto di base ha spinto i ricercatori a chiedersi come mai nessuno abbia pensato prima ad un metodo di questo tipo.

La notizia ovviamente scuoterà la comunità ufologia, sia per l’ipotesi di retroingegneria per via della somiglianza del progetto con numerosi avvistamenti UFO, sia per l’ipotesi terrestre degli stessi oggetti volanti non identificati in quanto una ipotesi prevede velivoli sperimentali. Quando l’uomo diventa abile nell’ampliare i suoi orizzonti, uno scenario simile potrebbe rivelarsi reale.

Fonte: Link

Traduzione ed adattamento a cura del CUT.

Annunci

3 risposte a “Il RIT alle prese con un nuovo prototipo simile ad un UFO

  1. Nenad Djurdjevic dicembre 11, 2010 alle 2:25 pm

    “La semplicità del concetto di base ha spinto i ricercatori a chiedersi come mai nessuno abbia pensato prima ad un metodo di questo tipo.”

    Qualcun’altro l’ha già pensato, infatti loro, a quanto sembra, non l’hanno inventato, ma lo stanno studiando.

  2. Cavaliere dicembre 13, 2010 alle 10:21 pm

    Non per nulla, nell’arco della storia umana, associati agli avvistamenti UFO sono stati riscontrati reperti/scarti di lanuggine costituita da fibre di vetro. Strana come coincidenza!

  3. mario dicembre 2, 2011 alle 2:26 pm

    ciao a tutti gli appassionati,ho idealizzato propulsore elettrico che puo’ andare in tutte le direzioni in cielo e mare,con pesi che’ escono da traiettoria circolare e gira come ellisse da dare spinta,se viene ellisse nella meta’ dx va in alto,se viene ellisse sx va in basso sopra a sx,basso a dx.dopo meta’ giro ritorna in moto circolare ed esce quello della direzione desiderata.buongiorno

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: