CENTRO UFOLOGICO TARANTO MAGAZINE

PORTALE DI DIVULGAZIONE E INFORMAZIONE UFOLOGICA, MISTERI SPAZIALI, STORICI E PALEONTOLOGICI

Quei frammenti di DNA scomparso che ci hanno resi umani

Alcuni tratti che caratterizzano l’essere umano sembrano essere imputabili non all’evoluzione di nuovi geni ma alla perdita di alcuni frammenti di DNA. La scoperta è stata fatta da un gruppo di ricercatori dello Howard Hughes Medical Institute e della Stanford University che ne riferiscono in un articolo pubblicato sulla rivista Nature.

Alla ricerca di specifici cambiamenti genetici che possono essere stati responsabili dell’evoluzione dei tratti che contraddistinguono l’essere umano dagli altri primati – con cui confividiamo fino al 96 per cento del patrimonio genetico – i ricercatori hanno condotto un’analisi comparativa, scoprendo 150 segmenti del genoma che sono presenti negli scimpanzé e in altri animali, ma che mancano nel nostro genoma.

Di queste sequenze solo una interessava un gene che è andato perduto, mentre le altre 509 interessavano zone limitrofe a geni, con una funzione di modulazione della loro espressione.

Una successiva attenta analisi ha convinto i ricercatori che proprio la perdita di questi specifici meccanismi di regolazione può essere responsabile di tratti tipicamente umani.

“L’alterazione diretta di un gene può abbastanza facilmente avere effetti drammatici arrivando a uccidere l’organismo o a renderlo sterile. Per contro, se si altera il modo in cui un gene si attiva o si ‘spegne’ in una particolare parte durante lo sviluppo, si possono avere grandi effetti su quella specifica struttura pur preservando le altre funzioni del gene”, spiega David Kingsley.

Per ora i ricercatori hanno studiato in dettaglio l’effetto di due soli di questi frammenti mancanti, ma con risultati già molto significativi.

Il primo è un segmento di DNA che in molti animali si trova vicino a un gene che codifica i recettori per gli androgeni, associati per lo più a un varietà di tratti maschili. In particolare ha mostrato di influire sullo sviluppo delle vibrisse sensoriali presenti sulla faccia di molti animali e sulla formazione a uncino che si ritrova sul pene di gatti e diversi altri mammiferi.

Il secondo segmento testato si trova negli altri animali in prossimità del gene GADD45g, ed è correlato alla crescita cellulare. “Se il gene manca del tutto si osserva lo sviluppo di tumori dell’ipofisi”, spiega Kingsley. La sua solo parziale disattivazione deve essere invece stata un fattore di notevole importanza per lo sviluppo del cervello di maggiori dimensioni che caratterizza la nostra specie.

Fonte: Link

Annunci

Una risposta a “Quei frammenti di DNA scomparso che ci hanno resi umani

  1. jojope marzo 14, 2011 alle 10:46 pm

    Chissa come e’ avvenuta,comunque questa notizia sembra avvalorare le tesi di coloro che sostengono che in un passato gli alieni hanno modificato il dna di una specie di ominide.Che Sitchin avesse ragione?Chissa

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: