CENTRO UFOLOGICO TARANTO MAGAZINE

PORTALE DI DIVULGAZIONE E INFORMAZIONE UFOLOGICA, MISTERI SPAZIALI, STORICI E PALEONTOLOGICI

LHC potrebbe essere la prima “macchina del tempo”

Secondo Tom Weiler e Chui Man Ho, ricercatori della Vanderbilt University, il Large Hadron Collider potrebbe essere la prima macchina del tempo della storia, e consentire ad alcune particelle di materia di viaggiare indietro o avanti nel tempo.

Se infatti si riuscisse a trovare il famigerato bosone di Higgs, alcuni scienziati hanno previsto che dovrebbe generarsi una seconda particella, il singlet di Higgs, in grado di attraversare una quinta dimensione e muoversi avanti nel tempo o raggiungere il passato.

“Una delle cose attraenti di questo approccio al viaggio nel tempo è che si evitano tutti i grandi paradossi” dice Weiler. “Dato che il viaggio nel tempo è limitato a queste particelle speciali, non è possibile per un essere umano viaggiare indietro nel tempo e uccidere uno dei suoi genitori prima che sia nato, per esempio. Comunque, se si potesse controllare la produzione di singlet di Higgs, si potrebbe riuscire a inviare messaggi nel passato o nel futuro”.

L’ipotesi di Weiler potrebbe tornare utile anche a spiegare alcune anomalie dei neutrini, particelle che interagiscono molto raramente con la materia. Secondo il ricercatore, potrebbero esistere delle particelle chiamate “neutrini sterili”, ancora meno rilevabili dei neutrini tradizionali per via del fatto che interagirebbero solo con la gravità e che sarebbero in grado di superare i confini della nostra membrana universale.

L’idea è che i neutrini sterili possano viaggiare più velocemente della luce prendendo “scorciatoie” all’interno di dimensioni extra. Ed è da questa particella ipotetica che Weiler e Ho hanno iniziato a studiare la possibilità del viaggio nel tempo per alcune particelle elementari.

Lo scenario è fantascientifico, come ammettono gli stessi ricercatori: “La nostra teoria è una pura supposizione, ma non viola alcuna legge della fisica o vincolo sperimentale”.
L’ipotesi di Weiler e Ho si basa sulla famosa M-theory, la “teoria del tutto” , che ormai è in grado di fornire spiegazioni delle proprietà di tutte le particelle e forze subatomiche, ma richiede la presenza di 10 o 11 dimensioni invece delle nostre 4 tradizionali.

Secondo la M-theory, il nostro universo è una “brana” (membrana) a quattro dimensioni che fluttua in uno spazio multidimensionale. Le particelle subatomiche rimarrebbero intrappolate all’interno della nostra brana, non potendo entrare in altre dimensioni, ma la gravità potrebbe sfuggire a questo limite, diffondendosi in altre dimensioni oltre a quelle che sperimentiamo noi.

Il concetto di dimensioni della M-theory è abbastanza differente da quello diffuso al grande pubblico tramite i film di fantascienza, ma è estremamente interessante una volta compreso, e prevede possibilità considerate irrealizzabili solo qualche anno fa.
Uno dei modi migliori per comprendere la M-theory è vedere qualche intervista o trasmissione di Michio Kaku, che ha fatto della spiegazione della teoria delle superstringhe, dei viaggi nel tempo e dell’esplorazione di mondi lontani i suoi argomenti principali di discussione.

Fonte: Link

Annunci

2 risposte a “LHC potrebbe essere la prima “macchina del tempo”

  1. CronoNauta_AT56 marzo 23, 2011 alle 4:51 pm

    Cito l’articolo: …“Una delle cose attraenti di questo approccio al viaggio nel tempo è che si evitano tutti i grandi paradossi” dice Weiler. “Dato che il viaggio nel tempo è limitato a queste particelle speciali, non è possibile per un essere umano viaggiare indietro nel tempo e uccidere uno dei suoi genitori prima che sia nato, per esempio… ”

    Osservo: come può Weiler avere la certezza assoluta che il viaggio nel tempo sia limitato solo alle particelle (quelle speciali per giunta) e impossibile per gli esseri umani? Il paradosso del viaggio nel passato è risolto nella teoria del multiverso o pluriverso dagli infiniti mondi paralleli. Posso uccidere nel passato dei “cloni” dei miei genitori ma non posso farlo in tutte le linee di universo possibile. L’unica cosa veramente “proibita” sarebbe quella di ripassare proprio sulla stessa linea di universo già percorsa nel passato: quella è l’unica che darebbe adito a dei paradossi. Negli infiniti rimanenti altri mondi esistono infinite coppie di genitori cloni dei nostri, e sopprimerne una qualsiasi sarebbe irrilevante per la nostra sopravvivenza: infatti essi non sarebbero i nostri “veri” genitori, ma derivazioni di storie simili aventi una comune radice in un passato ancora più lontano.

  2. Geppo novembre 17, 2012 alle 2:54 pm

    E se qualcuno di un’altra linea temporale uccidesse i tuoi? Non esisteresti dando inizio al paradosso. E poi l’universo non e’ infinito, ma finito, grande ma con i suoi confini, occupa uno spazio definito e non c’e’ tanto spazio per infiniti universi. E mandare messaggi nel tempo causerebbe paradossi esplosivi (sogno che qualcuno mi mandi un messaggio dal futuro con i numeri delle estrazioni o di eliminare un neoHitler); i nostri esperimenti con gli orologi atomici che rallentano nello spazio dimostrano che la fisica e la meccanica sono diversi se soggetti a gravita’ o no, ma non e’ che viaggiano nel tempo. Quando guardiamo una stella lontana 10 anni luce, vediamo la stella come era 10 anni fa, nel frattempo potrebbe essere successo qualcosa e per saperlo dovremmo aspettare 10 anni, per cui tutti hanno il loro diciamo status temporale assoluto o punto di esistenza, che e’ definito, irripetibile, intemporabile. Vorrei vedere qualcuno tentare di entrare in un buco nero per polverizzarsi o raggiungere la velocita’ della luce: se viaggiassi in un razzo alla velocita’ della luce e mi trovassi in coda, improvvisamente mi metterei a correre verso la testa del razzo, avro’ superato la velocita’ della luce?
    Comprendete quanta energia e’ necessaria per viaggiare nel tempo? Non e’ solo prendere me e spedirmi nel 19xx, ma prendere tutto l’universo e riportarlo nel 19xx, perche’ se voglio vedere la cometa di 2000 anni fa, e’ chiaro che anche gli astri devono tornare indietro. Nel momento in cui verrei trasportato indietro o avanti nel tempo, si creerebbe uno squlibrio energetico in quanto tutta la mia composizione molecolare verrebbe a mancare in questo tempo e ad aumentare nel nuovo tempo venendo a trovarsi un livello di energia con meno atomi e un altro con piu’ atomi, ben sapendo che nulla si crea o si distrugge e che complessivamemte il livello energetico di questo universo e’ sempre costante. Cos’altro dire, se non che e’ impossibile viaggiare nel tempo in quanto il tempo e’ scoperto e utilizzato dall’uomo come punto di riferimento, quindi non esiste, e che allo zero gradi assoluto non e’ che si ferma il tempo, solo che la materia cessa tutti i suoi processi, mentre alle altissime temperature accelera i suoi processi, tutto qui.
    Sono solo le mie considerazioni tutte perfettamente ribaltabili.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: