CENTRO UFOLOGICO TARANTO MAGAZINE

PORTALE DI DIVULGAZIONE E INFORMAZIONE UFOLOGICA, MISTERI SPAZIALI, STORICI E PALEONTOLOGICI

Viaggio al centro della Terra: “Si avvera il sogno di Verne”

“Non ci aspettiamo di trovare dinosauri” ride al telefono Damon Teagle, lo scienziato del Centro nazionale di oceanografia dell’università di Southampton deciso ad aprirsi una strada verso il centro della Terra. “Ma Giulio Verne è l’ispiratore di molta della nostra passione”. Teagle e la collega Benoit Ildefonse del Centro di geoscienze dell’università di Montpellier guideranno il consorzio europeo di 24 paesi (fra cui l’Italia) Ecord, pronto ad attraversare con una trivella la crosta terrestre e a toccare per la prima volta il mantello.

“Siamo andati sulla Luna, ma non abbiamo mai superato i 2 chilometri sotto terra” spiegano i ricercatori su Nature presentando la loro missione che punta ad arrivare a 6 chilometri. Tra le profezie scientifiche di Giulio Verne, quella del viaggio nel cuore del pianeta spicca per la sua irrealizzabilità. A 300 gradi di temperatura e una pressione di 21 milioni di chili al chilometro quadrato, solo una trivella e non certo un uomo può pensare di affacciarsi. Superando lo strato esterno della Terra – la crosta – l’occhio di Ecord getterà per la prima volta uno sguardo sul livello intermedio – il mantello – e raccoglierà campioni di roccia. “Per la scienza sarà un tesoro prezioso quanto le rocce lunari raccolte dalla missione Apollo” spiegano Teagle e Ildefonse.

I ricercatori non si fanno illusioni sui tempi. Il mese prossimo partirà una missione per raggiungere il record attuale di profondità (2.111 metri sotto al fondale marino) in un punto del Pacifico orientale al largo del Costa Rica. “Ma per toccare il traguardo del mantello ci siamo dati la scadenza di fine decennio” spiega Teagle. “Le tecnologie usate in Islanda nel settore geotermico ci permettono di lavorare a 300 gradi. Le sfide principali nascono dalla pressione enorme, dalla necessità di trovare materiali resistenti per la punta delle trivelle e lubrificanti efficienti”. Per lo scavo sono stati ipotizzati tre punti nel Pacifico: a est del Messico, a est del Costa Rica o alle Hawaii. “Sotto al mare – spiega Teagle – la crosta terrestre è più sottile e basta scavare 6 chilometri per raggiungere il mantello”. In corrispondenza delle terre emerse invece la crosta ha uno spessore di almeno 30 chilometri. “Dobbiamo scegliere un punto vicino ai crinali sottomarini, ma non troppo: lì la crosta si forma continuamente ed è più sottile, ma le temperature sono anche più alte” dice il ricercatore inglese.

Lo scavo verrà effettuato dal ponte di una nave: il gigante giapponese Chikyu, 210 metri di lunghezza, 56mila tonnellate di stazza e una specializzazione in trivellazioni a grandi profondità per studiare i terremoti. Non ci sarà bisogno di gettare ancore: “La nave – spiega Benoit Ildefonse – ha un sistema di “posizionamento dinamico” che le permette di restare immobile sulla verticale del foro, che avrà un diametro di 6 centimetri. La trivella ha una parte cava al suo interno per far risalire il materiale di scavo. Per raggiungere il mantello dovremmo costruire trivelle più grandi delle attuali, e quindi trovare materiali più leggeri”.

La missione di Ecord che salperà il 13 aprile per restare in mare fino al 3 giugno, cade a 50 anni esatti dal primo tentativo di raggiungere il mantello terrestre. Il progetto Mohole, ideato da Harry Hess, uno dei padri della tettonica a placche, prese il largo a marzo del 1961 sventolando la bandiera della National Science Foundation americana. Raggiunse lo specchio di mare di fronte a Guadalupe, in Messico, ma si arenò a soli 183 metri di profondità a causa di difficoltà tecniche, spese fuori controllo e dissidi sulla leadership. John Steinbeck, a bordo della nave, raccontò la missione fallita su Life del 14 aprile 1961. Oggi, con un’esperienza di mezzo secolo di trivellazioni petrolifere, i ricercatori hanno la chiave per diventare, come gli esploratori di Verne, “gli scienziati più felici del mondo”.

Fonte: Link

Annunci

5 risposte a “Viaggio al centro della Terra: “Si avvera il sogno di Verne”

  1. centroufologicotaranto marzo 30, 2011 alle 4:44 pm

    Finalmente potremo avere la smentita, o chissà, la conferma, sulla missione del dottor Viktor Azzakov ..

    Antonello Vozza,
    Componente CUT.

  2. Franco Pavone marzo 31, 2011 alle 1:12 pm

    Se la cosa sarà smentita o meno , sicuramente però il grande Giulio Verne è stato ed è tuttora un maestro per tutti , perchè i suoi romanzi , a partire da Viaggio al centro della Terra , Ventimila leghe sotto i mari , per finire a L’isola misteriosa e Dalla Terra alla Luna , insegnano non solo scienza , ma anche il modo di rapportarsi ad essa , avendo rispetto per l’uomo e per i misteri della natura , cosa che in questi tempi di arroganza viene spesso dimenticata dalla cosiddetta scienza ufficiale , che molte volte per motivi di opportunità e guadagno ne dimentica il lato umano e di esplorazione dell’ignoto , deridendo le scienze di frontiera , dimenticandosi che siamo solo un atomo nella vastità del Cosmo . Franco Pavone , componente CUT .

  3. rick marzo 31, 2011 alle 4:17 pm

    9. Il ruolo della gravità come forza formativa. Nel nuovo modello possiamo vedere che la gravità è una spinta e tirata tra due forze che creano la materia e l’energia nel centro, in simile modo lo vediamo nell’esperimento della sonoluminescenza.
    Scendendo oltre i 2700 km o 1678 miglia, la forza è diretta all’esterno dal centro in modo maggiore che verso il centro e questo mostra il “respiro della vita” in azione. Questo mette seri dubbi sul modello della dinamo e si aprono nuove interpretazioni.
    http://www.altrogiornale.org/_/content/content.php?content.701

    http://books.google.it/books?id=aZmuBNIz9EAC&pg=PA51&lpg=PA51&dq=2,700+kilometers+%281,678+miles%29+gravity+earth&source=bl&ots=ptO2c1smfl&sig=EO_8Sos0loAOyhi93oUwKRGPgtA&hl=it&ei=wIuUTZKWJISXOrSZnK4H&sa=X&oi=book_result&ct=result&resnum=6&ved=0CEYQ6AEwBQ#v=onepage&q=2%2C700%20kilometers%20%281%2C678%20miles%29%20gravity%20earth&f=false

    http://www.livingcosmos.com/earth.htm

  4. Lorenzo aprile 4, 2011 alle 7:00 pm

    Per me succederà qualcosa di strano alla Terra tipo cambiamenti dell’asse terrestre…
    Ma ne dubito.
    Ma poi, cosa può esserci nel nucleo o nel mantello?
    Chissà….

    Saluti.

  5. fabrizio maggio 22, 2011 alle 1:29 pm

    chissà se le leggende della terra cava potranno avere dei riscontri tangibili.. e se Verne avesse ragione anche questa volta?
    Sono curioso di sapere 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: