CENTRO UFOLOGICO TARANTO MAGAZINE

PORTALE DI DIVULGAZIONE E INFORMAZIONE UFOLOGICA, MISTERI SPAZIALI, STORICI E PALEONTOLOGICI

La Settimana: Il Commento

Articolo di Vozza Antonello – Componente CUT

Questa settimana sono due le principali notizie che mi hanno colpito, che consentono un sicuro spunto di riflessione per quanto concerne il nostro campo di ricerca ufologica e per quanto riguarda un sano ragionamento che mi piace voler considerare filosofico. Il primo riguarda senza dubbio la risposta che la Casa Bianca ha regalato (o relegato) agli ufologi. Come volevasi dimostrare, non hanno le prove della presenza aliena qui sulla Terra. E’ come chiedere ad un bambino se ha o meno preso la cioccolata dalla dispensa. Questo ovviamente la dice molto lunga su una serie di situazioni collaterali che riguardano questo tema, una serie infinita di contraddizioni da parte delle autorità competenti (?!) riguardo gli oggetti volanti non identificati ed i loro occupanti. Così, se da un lato non abbiamo nessuna prova riguardo la presenza aliena sulla Terra, in America e nel nostro paese (da cui è partita una delle petizioni riguardanti l’attività UFO ai tempi della guerra fredda ripresa dalle basi americane in Italia, a firma del nostro amico Roberto La Paglia) si studiano questi oggetti che a quanto pare non esistono. Una piccola contraddizione di fondo proveniente ad esempio da quegli stati che declassificano i files tanto amati da una larga fetta di ricercatori (in Italia non è successo, nonostante una commissione creata dall’ On. Andreotti nel 1979 e l’ammissione da parte dell’ Aeronautica Militare attraverso la pubblicazione sul loro sito ufficiali di svariati avvistamenti civili e militari, 11 nel 2010, pochini rispetto alle centinaia che ci sono pervenuti dall’inizio di questo anno, che non pubblichiamo perchè l’80% delle volte sprovvisti di supporto visivo) … dobbiamo quindi supporre che tali files fungano da specchietto per le allodole? Un modo di usare internet come mezzo di distrazione di massa, una volta capito che la TV non la guarda più nessuno per ottenere informazioni. Certo, le domande a questo punto sono tante, nonostante alcune evidenze sulle quali nessuno, dal mondo scientifico agli organi di stato ufficiali, si è mai espresso, penso ad esempio ai telegrammi dell’ UFO Crash del 1933 nei pressi di Milano. A questo punto dunque, siamo allo stesso livello degli anni in cui è arrivata l’ufologia in Italia, con gli stessi giochi disinformativi di allora, e se la situazione ufologica rimane stagnante con gruppi che si fanno la guerra tra la fanghiglia in cui il mondo è crollato, politicamente ed economicamente, di sicuro non saremo noi a cambiare il corso degli eventi, e non possiamo aspettarci una svolta. Ma la situazione non può essere sviscerata qui, ne tantomeno adesso, quindi parliamo dell’altra notizia interessante della settimana, ed a pensarci è quasi ovvio che doveva essere così, altrimenti nulla avrebbe avuto senso: le stelle emettono materia organica complessa! E’ una cosa davvero straordinaria. Prima di tutto, dobbiamo ricordare che anche il nostro Sole è una Stella e che il nostro pianeta ruota intorno ad essa, di conseguenza ogni stella è un sole, attorno a cui ruota almeno un pianeta. La questione adesso è particolare e sicuramente emozionante: se l’obiettivo della vita è sopravvivere, come suggerisce il nostro componente Rodolfo Solito, e se le stelle sfornano materia, allora vuol dire che un sistema solare nasce per vivere, e che sarebbe stupido pensare che su almeno un pianeta oltre la Terra non si sia formata vita intelligente! Del resto, credo che un sistema solare vuoto sarebbe inutile: se si vive per -appunto- vivere, ovvero per fare l’esperienza della vita, pensare che possa esserci un punto vuoto nell’universo (vuoto in senso assoluto), perchè non sarebbe utile ai fini dell’esperienza, e di questa “legge” che vuole le stelle portatrici di vita. Consideriamo così, per chiudere, l’immensità numerica delle stelle “sparse in incalcolabile cammino” (detto alla Guccini), ricordandoci di quelle così lontane che non riusciamo a vedere .. considerate un numero di circa 300 miliardi di stelle solo nella nostra galassia, che è una delle tante miliardi sparse nell’universo, che è uno di chissà quanti universi sparsi per i megaversi e le dimensioni, insomma, solo statisticamente è impossibile che, data la condizione che discutiamo, non ci sia altra vita intelligente. Questo ovviamente apre altri spiragli sulla condizione della coscienza: è possibile ipotizzare che a questo punto tutto possa avere coscienza, e che ogni cosa, anche ciò che pensiamo sia inanimato, come un pianeta, in realtà sia vivo e dal cuore pulsante. Alzate quindi gli occhi al cielo di tanto in tanto, e spero che pensando a questo possano sorgervi delle domande, e perchè no, agire in base ad esse. Spero di non avervi annoiato e grazie della lettura.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: