CENTRO UFOLOGICO TARANTO MAGAZINE

PORTALE DI DIVULGAZIONE E INFORMAZIONE UFOLOGICA, MISTERI SPAZIALI, STORICI E PALEONTOLOGICI

Creato il virus che può uccidere la metà della popolazione mondiale

I ricercatori dell’Erasmus Medical Centre di Rotterdam (Paesi Bassi) hanno prodotto una variante estremamente contagiosa del virus dell’influenza aviariaH5N1 in grado di trasmettersi facilmente a milioni di persone, scatenando, così, una pandemia. Gli scienziati, guidati dal virologo Ron Fouchier, hanno scoperto che bastano cinque modificazioni genetiche per trasformare il virus dell’influenza aviaria (che finora ha ucciso 500 persone nel mondo) in un agente patogeno altamente contagioso che potrebbe scatenare una pandemia in gado di uccidere la metà della popolazione mondiale. La sua elevata capacità di diffusione è stata dimostrata in esperimenti condotti sui furetti, che hanno un sistema respiratorio molto simile a quello dell’uomo.

Le ricerche di Fouchier fanno parte di un più ampio programma mirato a una maggiore comprensione dei meccanismi di funzionamento del virus H5N1. È stato lo stesso virologo ad ammettere che la variante geneticamente modificata è uno dei virus più pericolosi che siano mai stati prodotti. Un altro gruppo di virologi dell’Università del Wisconsin in collaborazione con l’Università di Tokyo è arrivato a un risultato simile a quello di Fouchier.

Ora il dibattito è se pubblicare o no la ricerca. Molti scienziati che sono infatti preoccupati che, in mani sbagliate, il virus potrebbe trasformarsi in un’arma biologica. Negli Stati Uniti le polemiche sono roventi. Thomas Inglesby, scienziato esperto di bioterrorismo e direttore del Centro per la Biosicurezza dell’Università di Pittsburgh è categorico. «E’ solo una cattiva idea quella di trasformare un virus letale in un virus letale e altamente contagioso. E’ un’altra cattiva idea quella di pubblicare i risultati delle ricerche che altri potrebbero copiare». Critico anche Richard Ebright, biologo molecolare della Rutgers University in New Jersey: «Questo lavoro non andava fatto». Pubblicare lo studio però, come sostiene lo stesso Fouchier, aiuterebbe la comunità scientifica a prepararsi a una pandemia di H5N1. Sulla stessa linea d’onda l’italiano Fabrizio Pregliasco, virologo all’Università di Milano: «Non pubblicare lascerebbe i ricercatori al buio su come rispondere a un focolaio. Lo scambio di conoscenze è fondamentale per prevedere la reale gravità di una pandemia. L’aviaria era sì una “bestia” nuova, ma non apocalittica. Con un maggiore scambio di conoscenze la diffusione di informazioni sarebbe stata più precisa e meno allarmistica».

Fonte: Link

Advertisements

6 risposte a “Creato il virus che può uccidere la metà della popolazione mondiale

  1. centroufologicotaranto novembre 29, 2011 alle 3:19 pm

    Ti sbattono la realtà davanti agli occhi, e neanche ci si chiede perchè. Ormai stiamo andando, o siamo arrivati, sul fondo. La luce è molto lontana. C’è, ma probabilmente non è lì per noi.

    Antonello Vozza,
    Componente CUT.

  2. finalvjn novembre 29, 2011 alle 4:25 pm

    inventano mille mila modi per uccidere le persone… e mai uno per salvare vite umane…

  3. Emanuele novembre 29, 2011 alle 6:40 pm

    Nn capisco come possono fare esperimenti simili… Cioè, se servono alla comunità fateli pure ma teneteli per voi. Si fanno tanti problemi se pubblicare la ricerca o no, alcuni dicono che pubblicarla sarebbe un errore (ed è quello che penso io), altri che dicono che nn possono lasciare la “comunità scientifica” allo scuro di tutto perchè altrimenti nn sarebbero preparati ad una pandemia… Ma dico io, fate una riunione e confrontatevi, telefonatevi, fate una videoconferenza, c’è bisogno di sbatterlo in faccia a tutti i malati di mente del mondo?! E poi, gente, questa è l’ennesima dimostrazione di quante cose fanno di nascosto che sono pericolosissime per noi, questa notizia è stata resa pubblica ma chissà quante cose ci tengono nascoste, quanti esperimenti fanno sugli umani, quanti virus creano e li propagano per verificarne gli effetti… Guarda caso quando dicono che arriverà l’influenza arriva puntuale come tante altre cose, nn ne parliamo poi se qualcosa sfugge al loro controllo che cosa succede… Tipo, vi ricordate quel virus pericolosissimo che si stava diffondendo in Germania qualche mese fa? Nn si è più saputo niente, hanno messo tutto a tacere e sono morte delle persone… Attenzione gente, siamo nelle mani di persone pericolosissime!!! E nn fidatevi affatto dei vaccini che mettono in giro e che fanno fare ai nostri figli…

  4. mike dicembre 1, 2011 alle 2:09 pm

    ogni sistema purtroppo, sia scientifico, politico e economico è in mani sbagliate…qualcuno parlava di sistema e noi siamo le vittime di questo sistema…..Che Dio ci aiuti…..

  5. dddd dicembre 1, 2011 alle 2:50 pm

    Nessun problema…tanto se non ci pensava l’uomo ci pensava la natura…ormai siamo troppi…è solo questione di tempo prima che la natura scateni un agente patogeno che dimezzi la popolazione….è il ciclo della vita…. certo l’uomo non vuole mai aspettare o essere da meno e si impegna a crearlo in anticipo.

    Un modo perfetto per risolvere la crisi mondiale che stiamo passando tutti…..togliere le troppe bocche da sfamare che ci sono al mondo 😉

  6. nicola dicembre 3, 2011 alle 12:25 pm

    Mi chiedo se il limite tra ricerca ed etica sia stato raggiunto o come credo esso sia sempre spostato da chi crede che si è sulla terra per diritto divino. Senza scomodare tanto i lucertoloni cospirazionisti non ci vuole tanto a capire che qualcuno accrescerà di molto il suo potere, vedi case farmaceutiche e relativi azionisti politici. Tutti ricorderanno il tam tam di notizie allarmistiche dello scorso anno per l’aviaria.
    Nicola Antonante componente cut

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: