CENTRO UFOLOGICO TARANTO MAGAZINE

PORTALE DI DIVULGAZIONE E INFORMAZIONE UFOLOGICA, MISTERI SPAZIALI, STORICI E PALEONTOLOGICI

Il “Progetto Cyborg”

Se pensate che film come Terminator, Io Robot o Il mondo dei replicanti siano pura fantascienza, state per scoprire che non è del tutto vero e che l’era dei cyborg e dei robot intelligenti sta per diventare realtà. Kevin Warwick, noto ricercatore inglese può essere considerato come il primo cyborg al mondo! Si avete capito bene, stiamo parlando di un vero ibrido tra una macchina e un uomo. Chi ha la fortuna di lavorare con lui afferma che è un uomo dalle idee brillanti e con un carattere cordiale e gentile. La sua avventura parte prima dell’ormai lontano 1998, quando, durante un’intervista afferma serenamente che essere nato umano per lui è stato solo un’incidente del destino. Infatti, un pò di tempo dopo dall’intervista condotta da Wired, Kevin inizia il progetto Cyborg 1.0, dove si fece impiantare sotto pelle dei speciali chip elettronici scioccando l’intera comunità scientifica internazionale. Il progetto si concluse qualche tempo dopo anche per via dei dottori che sconsigliarono la permanenza dei congegni nell’organismo del ricercatore, che successivamente nel 2002 riprese gli esperimenti con il progetto Cyborg 2.0 dove si sottopose di nuovo all’operazione fatta qualche anno prima e diede prova che con i chip impiantati sottopelle riusciva a comunicare telepaticamente con la moglie, spostare gli oggetti e accendere e spegnere le luci con il pensiero e addirittura riuscì a mettere i suoi pensieri su internet e tramite di esso manovrò una mano robotica a migliaia di chilometri di distanza semplicemente muovendo la sua mano. Warkick afferma che ha molti progetti in mente e con l’utilizzo di questa nuova tecnologia, la neurotecnologia per l’esattezza, si potranno aiutare persone con determinate patologie come la paralisi degli arti, inoltre con il suo team sta lavorando alla progettazione di robot capaci di muoversi autonomamente e soprattutto pensare! L’esperto aggiunge che la sua passione per i Cyborg è alimentata dalla scarsa fiducia nell’uomo e dalle capacità limitate che presenta quest’ultimo, infatti, fa un paragone tra un uomo e una macchina e afferma vivamente che la macchina è più veloce nel pensare e eseguire determinate azioni e che in un futuro sarà necessario comunicare con le macchine intelligenti tramite il pensiero, visto che il modo di comunicare degli essere viventi viene descritto da Kevin Warwick come “orribile”. I Cyborg secondo Kevin saranno quindi capaci di pensare al di là delle 3 dimensioni e avranno più di 5 sensi, limite al quale è legata la psiche umana e il corpo umano. Durante le ricerche fatte da Warwick nel progetto Cyborg 2.0 ha dato prova di quello che afferma e durante gli esperimenti è riuscito anche a spostarsi, bendato e nel buio, utilizzando gli ultrasuoni, altra dote che ha aquisito con i suoi microchip. Secondo il ricercatore, in futuro, si avranno due specie di essere viventi, quelli dotati di impianti cibernetici e quelli senza un’impianto che saranno una sottospecie, inoltre fa riferimento all’utilizzo improprio della tecnologia e alla possibile ribellione delle macchine, per evitare questo le persone dovranno evolvere anche loro in una specie ibrida che riuscirà a controllare l’inesorabile processo evolutivo delle macchine intelligenti. Kevin Warwick afferma che l’idea di essere il primo Cyborg al mondo lo rende orgoglioso e che è un traguardo per la scienza e la tecnologia senza precedenti.

Fonte: Link

[add CUT]: Le implicazioni etiche dietro questo “passo della scienza” sono innumerevoli, così come la domanda “resteremo umani ancora a lungo?”. E voi, sarete disposti a farvi impiantare dei chip per espandere i vostri sensi, o diventare telepatici? Domani, dice il dott. Warwick, avremo due categorie di terrestri: umani e non umani. Voi da che parte state?

Advertisements

7 risposte a “Il “Progetto Cyborg”

  1. Danilo febbraio 14, 2012 alle 1:34 pm

    Si continua anche qui, con una scienza più “terrena” a dire, che gli uomini percepiscono solo la Terza dimensione!!!!

  2. Roberto febbraio 15, 2012 alle 12:35 pm

    Kevin…vedi di farti impiantare un [*BIP*]

  3. Andrea febbraio 15, 2012 alle 2:50 pm

    No grazie, e se il chip si Rompe?
    e poi se dovremo arrivare ad un altra dimensione lo dovremo fare senza aiuti.
    O siamo pronti o non lo siamo.

  4. finalvjn febbraio 16, 2012 alle 10:44 am

    citazione: “Secondo il ricercatore, in futuro, si avranno due specie di essere viventi, quelli dotati di impianti cibernetici e quelli senza un’impianto che saranno una sottospecie”

    “quelli senza impianto saranno una sottospecie”… a nessuno è suonato un campannellino d’allarme?

    dai, seriamente, come si può dare ascolto a gente che disprezza tanto gli esseri umani…
    io gli risponderei con le sue stesse parole… tanto è scarsa la sua fiducia negli uomini, quanto la mia nei suoi confronti…

    ps. “avere più di 5 sensi” (ahahahahahah, diventiamo tutti “Cavalieri dello Zodiaco”)… questo farnetica!

  5. Stefano febbraio 16, 2012 alle 1:46 pm

    Per quanto possa essere ai limiti della fantascienza, e per quanto possa essere d’accordo con te sul discorso che ci sarà da preoccuparsi se in un futuro chi farà la scelta di non impiantarsi nulla è da considerarsi una sottospecie, io non la considereri una farneticazione.
    La storia ci insegna che nel corso dei secoli si è passati dal considerare alcune persone dei maghi o peggio ancora delle streghe o stregoni o semplici pazzi, a riabilitarli nei secoli successivi. O senza andare troppo lontano nel tempo, e senza per forza deridere nessuno, ora non so quando sia successo per la prima volta, ma di sicuro in passato a chi prevedeva un futuro fatto di manipolazione genetica, o semplicemente chi prevedeva un trapianto di organi, gli veniva affibiata la nomina di sognatore o di persona troppo ottimista, ed ora vediamo che queste scoperte applicate alla medicina e alla genetica sono reali e applicate.
    Purtroppo sono sicuro che avverrà, l’unica cosa, non so quando ovviamente 🙂

  6. Iodice Generoso aprile 2, 2012 alle 9:15 pm

    Però non ci avete messo una cosa:Che la carne,non può essewre comandata a distanza perchè carne,mentre il ferro.si,perchè le sue condutture,essendo di ferro,permettono,le wireless ed altri tipi di comandarci meglio,Io preferisco di essere così umano,questi mi sa mi sa che vogliono,attraverso reti wireless e cose del genere avere il controllo assoluto di una persona,perchè forse come stanno i tempi oggi,non ci riescono,se non quando,non possono li fanno cadere malati per una loro chiusura del cervello di pretenzione per comandare un’ altro suo simile!

  7. billy gennaio 30, 2014 alle 7:10 pm

    non sapevo dell’esistenza di chip telepatici, purtroppo temo che vi sono delle persone che già li hanno impiantati, come succede a me che ero convinta di essere contattata da telepatici da circa sei anni e invece scopro che usano dei mezzi elettronici, purtroppo non è chiaro lo scopo di queste persone, se mirino a fini politico – militari, se mi usano per addestrarsi per poi attaccare i potenti, posso solo comunicarvi che delle varie persone, che anche a due, uomini e donne, che mi hanno contattato, una sola è rimasta, e mi tormenta in tutti i modi possibili ed immaginabili, costantemente, notte e giorno. Vi prego aiutatemi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: