CENTRO UFOLOGICO TARANTO MAGAZINE

PORTALE DI DIVULGAZIONE E INFORMAZIONE UFOLOGICA, MISTERI SPAZIALI, STORICI E PALEONTOLOGICI

Un oceano sotto la superficie di Titano

C’é un oceano di acqua liquida sotto la superficie della più grande luna di Saturno, Titano. La scoperta, annunciata su Science, si deve a un gruppo di ricerca internazionale coordinato da Luciano Iess, dell’università La Sapienza di Roma. Allo studio hanno partecipato anche altri tre italiani: Marco Ducci e Paolo Racioppa, dell’università La Sapienza, e Paolo Tortora, dell’università di Bologna. Titano non mai smesso di stupire da quando, nel gennaio 2005, la sonda europea Huygens è scesa sulla sua superficie inviando a Terra immagini straordinarie di fiumi di metano e montagne. A rilasciare la sonda Huygens era stata Cassini, nella missione nata dalla collaborazione fra Nasa, Agenzia Spaziale Europea (Esa) e Agenzia Spaziale Italiana (Asi).

Adesso è ancora la missione Cassini a far luce sulla struttura interna di Titano, rivelando le deformazioni provocate di essa dal campo gravitazionale di Saturno. Se Titano avesse una struttura interna interamente rigida, l’attrazione gravitazionale di Saturno causerebbe rigonfiamenti, chiamati maree solide, non superiori a un metro di altezza. I dati di Cassini mostrano invece che le deformazioni raggiungono un’altezza di 10 metri: “una chiara indicazione – sottolineano l’Asi e La Sapienza in una nota – che Titano non è costituito interamente di materiale solido come ghiaccio e rocce”. Per Iess “la scoperta di maree di così grande ampiezza su Titano conduce all’inevitabile conclusione che ci debba essere un oceano nascosto in profondità”. La presenza dell’oceano aiuta a spiegare anche perché l’atmosfera di Titano sia così ricca di metano (circa il 4%). “Un oceano – spiega Iess – può agire da riserva in profondità, liberando il metano in esso disciolto, che migra verso l’alto attraverso la crosta”.

Ma è soprattutto l’abbondanza di acqua ad attrarre l’attenzione degli esperti. “La ricerca dell’acqua è un obiettivo importante nell’esplorazione del Sistema Solare. Ora – ha detto Iess – possiamo dire di avere localizzato un luogo dove se ne trova in abbondanza”. La ricerca dell’acqua è importante anche per la ‘caccia’ a forme di vita aliene anche se, osservano i ricercatori, i dati più recenti suggeriscono che la vita si sviluppi con maggiore probabilità in regioni dove l’acqua liquida è in contatto con la roccia. “Ancora non siamo in grado di sapere – ha detto Iess – se il fondale oceanico di Titano sia costituito di roccia o ghiaccio”. Per il coordinatore scientifico dell’Asi, Enrico Flamini, “é una scoperta eccezionale, che dà risposte a molti quesiti sollevati sin dai tempi delle missioni Voyager e ottenuta con un sistema radio realizzato in buona parte in Italia”.

Fonte: Link

Annunci

3 risposte a “Un oceano sotto la superficie di Titano

  1. Animalibera giugno 29, 2012 alle 10:58 am

    Salve, ero convinto che in passato avevate pubblicato un articolo sull’esplorazione dei fondali del Mar Baltico, dove un gruppo di cacciatori di tesori professionisti supportati da scienziati ha trovato sui fondali una strana formazione rocciosa.
    Le notizie su questa scoperta continuano ad arrivare, e sembrerebbe che si siano ritrovati davanti a qualcosa che mai era stato scoperto prima.
    Notizia ultima, sembrerebbe che questa struttura sia avvolta da un campo elettromagnetico che a determinate distanze disturba le apparecchiature elettroniche in loro possesso.
    Non sarebbe male farci un articolo!
    Il nome di riferimento è Ocean X Explorer.
    Scusatemi se ho usato questo articolo per parlarvi di questa cosa, ma non sapevo dove farlo.
    Buona giornata!

  2. Animalibera giugno 29, 2012 alle 11:07 am

    In questo link troverete tutte le ultime notizie, con foto video e ricostruzioni digitali…
    http://2012indyinfo.com/2012/06/27/baltic-anomaly-far-stranger-than-any-ufo-discovery-truthfall/

  3. Daniele giugno 30, 2012 alle 8:10 pm

    La nostra scienza si basa solo da ciò che conosce.
    Siccome tutti gli esseri viventi conosciuti sul nostro pianeta (comprese le persone) sono o meglio siamo formati in parte di acqua, allora la scienza basandosi da questo concetto dice che solo dove cè presenza di acqua può esserci vita.
    Per mè è sbagliato!!!.
    Se ipotizziamo esistessero forme di vita a noi sconosciute,(aliene) e se questi nella loro composizione anatomica non fossero formati di acqua ma di altri materiali liquidi come esempio (metano) allora la teoria dell’acqua non sarebbe esattamente corretta.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: