CENTRO UFOLOGICO TARANTO MAGAZINE

PORTALE DI DIVULGAZIONE E INFORMAZIONE UFOLOGICA, MISTERI SPAZIALI, STORICI E PALEONTOLOGICI

Una storia inedita della Seconda Guerra Mondiale, tra misteri, segreti, nuove rivelazioni e conferme. 7° parte. di Franco Pavone Centro Ufologico Taranto

images images (1)Nella settima parte di questa ricerca , voglio affrontare il tema delle presunte tecnologie segrete del Terzo Reich associate più o meno all’ufologia e agli studi degli scienziati nazisti . Ormai su queste storie circolano fatti veri ma anche tante leggende . Il mio umile intento è quello di cercare di dipanare ( o almeno ci provo ) la matassa di questi enigmi , e capire dove inizia la verità e dove la finzione , in base alle poche testimonianze e ai rari documenti in possesso degli studiosi . La mia speranza è quella che eventuali lettori abbiano dei dati in più per avvalorare questa particolare ricerca , ognuno traendo le sue personali conclusioni in merito , in base alle proprie conoscenze ,  accoppiando le tessere del mosaico . Non pretendo certamente di risolvere tali enigmi , ma se non altro apro un dibattito serio su tali questioni . Ribadisco che la mia è solo una ricerca storica , da vecchio appassionato di Storia , per cercare di portare alla luce gli aspetti sconosciuti e oscuri della Seconda Guerra Mondiale . Capitolo  24 /         Il mistero della bomba disgregatrice . Gli studiosi della Seconda Guerra Mondiale si sono chiesti dal 1945 in poi dopo la distruzione atomica di Hiroshima e Nagasaki : se Hitler avesse potuto disporre in tempo di ordigni nucleari , la Germania e le forze dell’Asse avrebbero vinto la guerra? Dalle poche testimonianze in nostro possesso , pare che gli studi sulla costruzione di armi nucleari erano in uno stato abbastanza preoccupante , in primis la produzione della cosiddetta “ acqua pesante “ , l’ossido di deuterio componente fondamentale della bomba , negli stabilimenti di Telemark nella Norvegia occupata , ritardata pesantemente , come la storia insegna , dai sabotaggi dei partigiani norvegesi e dai bombardamenti della RAF inglese . Secondo alcune fonti tra il 1944 e il 1945 gli scienziati tedeschi fecero esplodere in Turingia tre bombe “ sporche “ composte da esplosivi convenzionali e nucleari , che avevano prodotto una luce accecante e una potente onda d’urto . Le fonti dicono che 500 prigionieri russi utilizzati come cavie perirono in questo tragico esperimento . Si parla addirittura del ritrovamento in Germania di 26.000 barili di scorie nucleari retaggio di quei fatti . Sempre secondo le stesse fonti queste bombe sporche contenevano uranio 235 , materiale utilizzato nelle armi nucleari , che produsse effetti altamente radioattivi sui prigionieri , in alcuni casi con la completa disintegrazione dei corpi . Luigi Romersa , un ex reporter di guerra che in seguito scrisse un libro sull’atomica di Hitler , inviato da Mussolini e ricevuto da Hitler stesso nell’Ottobre del 1944 , fu trasportato in un isola del Mar Baltico , dove assistette a suo dire a una esplosione “ altamente luminosa “ , con uomini che assistevano nei bunker dotati di tute protettive . I nazisti gli dissero che ciò a cui aveva assistito era la sperimentazione di una “ bomba a fissione “ . Lo storico David Irving scrisse di due equipe rivali che lavoravano alla costruzione di una pila atomica critica , una più teorica e accademica capitanata dal premio Nobel Werner Heisenberg , e l’altra più empirica e militare comandata dallo scienziato Dott. Kurt Diebner , che con il Generale SS Hans Kammler avevano promesso la costruzione della “ bomba “ entro il 1946 , Alleati permettendo . Entrambi i gruppi erano stati erroneamente informati dal matematico Prof. Bothe che la grafite non poteva essere usata come moderatrice in una pila atomica o reattore nucleare , quindi fu aumentata la produzione di acqua pesante in questo senso . La squadra di Heisenberg costruì una rudimentale pila atomica con cui si effettuarono numerosi esperimenti , sino a quando tali scienziati del Terzo Reich non furono catturati dalle truppe del Colonnello russo Boris Pash e dal suo collega Michael Perrin nel corso della missione Alsos . La squadra di Kurt Diebner invece cercò di creare una reazione di fusione ( retaggio anche di ricerche sulla fusione nucleare odierna ) , facendo implodere esplosivi convenzionali in acqua pesante , ma con scarsi risultati , perché l’economia tedesca mancava fortunatamente delle risorse necessarie per costruire una bomba a fissione atomica, e inoltre Albert Speer l’ideologo del nazismo dette priorità al progetto V2 . L’dea peraltro che ai tedeschi mancasse l’uranio puro era assurda , a meno che non ci si riferisse all’uranio arricchito U 235 . I militari del Reich avevano sottratto nel 1940 al Belgio occupato scorte di uranio minerale , anche se avevano avuto notevoli problemi di raffinazione e infatti i componenti della missione Alsos recuperarono centinaia di cubetti di uranio solido . Cosa sarebbe successo se i nazisti avessero raggiunto il loro scopo ? Lasciamo immaginare le conseguenze di una simile circostanza . Il progetto americano Manhattan capitanato da Oppenheimer e teorizzato da Enrico Fermi in persona con gli scienziati italiani di via Panisperna , con incluso anche il mistero Maiorana , ha forse impedito ai nazisti di arrivare per primi alla costruzione della bomba disgregatrice , come da loro definita , con la quale forse le sorti della Seconda Guerra Mondiale sarebbero state drammaticamente diverse . Un plauso e un ricordo indelebile va agli eroi di Telemark in Norvegia , che hanno forse impedito una possibile vittoria delle forze dell’Asse . Capitolo 25  /   Un UFO-crash in Germania nel 1937 ? Si è detto tanto sui presunti “ dischi volanti “ di Hitler negli ultimi anni , forse derivati dal crash di Vergiate del 1933 , con gli studi sviluppati dal Gabinetto RS 33 fascista di Mussolini con la supervisione di Guglielmo Marconi in persona e formato dalle più grandi personalità scientifiche dell’epoca , per lo più dell’Università La Sapienza di Roma . Ma forse anche i tedeschi hanno avuto il loro bravo ordigno extraterrestre in casa loro nel 1937 . Misteriose fonti chiaramente non facilmente verificabili , asseriscono che appunto nel 1937 , quattro anni dopo i fatti di Vergiate ,un ordigno non convenzionale cadde nella campagna tedesca , segreto rimasto tale per oltre 70 anni , coperto anche da americani e russi . In quegli anni la Germania nazista stava sorgendo dalle ceneri della vecchia Repubblica tedesca di Weimar e stava per diventare una pericolosa superpotenza militare alle soglie del secondo conflitto mondiale . Secondo le poche fonti in possesso degli studiosi , l’esercito tedesco fu deputato a raccogliere i resti dell’ordigno , ma ovviamente in questo senso non esiste nessun documento verificabile , se questi sono mai esistiti , che indicano un recupero dell’oggetto  e degli eventuali occupanti . Quando la notizia fu riferita al nuovo Fuhrer Adolph Hitler , questi ordinò agli scienziati della Luftwaffe e ai migliori esperti aeronautici della Germania di studiare i reperti del misterioso ordigno , che in un primo momento si pensò essere una diavoleria tecnologica di un’altra potenza militare . Pare che l’oggetto fu trasferito in un hangar sul fiume Reno , monitorato 24 ore su 24 . Presumibilmente gli scienziati che lavorarono sul presunto “ disco volante “ facevano parte oltre che della Luftwaffe , anche del “ Reichsforschungrat “, il Consiglio delle Ricerche , formato da docenti universitari e ingegneri industriali . Tra di loro i fratelli Walter e Reimar Horten , che in seguito avrebbero sperimentato la famosa e gigantesca “ ala volante “ e assertori insieme ad Alexander Lippisch, progettista del ME 163 Komet , e John K. Northrop del concetto proprio di ala volante ( per alcuni studiosi furono nove ali volanti Northrop che furono avvistati da Kenneth Arnold il 24 Giugno del 1947 ) . Può darsi dunque che la loro antesignana e moderna fortezza volante fosse frutto della decodifica del presunto ordigno alieno trovato in Germania , ma chiaramente senza testimonianze “ serie “ come direbbe “ qualcuno “ o documenti, non si può provare . In seguito l’esperienza di Viktor Schauberger , inventore di un motore a vortice , servì ad implementare nella tecnologia del Terzo Reich la presunta retroingegneria del misterioso ordigno recuperato , dando forse un decisivo impulso alla creazione del dispositivo Glocke ( campana ) , che secondo alcune fonti creò addirittura delle distorsioni nella dimensione dello spazio-tempo , avendo a che fare con energie comprensibilmente non facili da controllare e sconosciute . Il ricercatore italiano Renato Vesco , nel suo libro : Intercettateli senza sparare : la vera storia dei dischi volanti , asserì che i tedeschi stavano lavorando a un motore ad antigravità . La retroingegneria sull’oggetto recuperato non fu certo semplice , perché se la propulsione , l’elettronica e la forma dell’ordigno furono parzialmente replicate , non fu invece facile per la metallurgia , perché la lega di cui era composto l’oggetto  era sconosciuta e quindi quasi impossibile da riprodurre in laboratorio . Tecnici come Giuseppe Belluzzo , Klaus Habermohl , Walter Miethe  e Rudolph Schriever furono reclutati personalmente da Hitler , per decodificare tale tecnologia e renderla disponibile per lo sforzo bellico . Documenti recuperati dagli Alleati alla fine della guerra accertarono che fu Schriever il primo ad avere qualche risultato dagli studi sull’UFO-crash , ma la replica costruita era instabile e alcuni piloti collaudatori perirono in vari incidenti , tra cui Erwin Ziller , uno dei migliori collaudatori del Reich. Con l’avanzata degli Alleati , i militari nazisti fecero pressioni su Schauberger per adattare la versione del suo prototipo “ Imploder Repulsine “ come forza motrice per velivoli da guerra , utilizzando la propulsione a vortice . Anche se gli scienziati nazisti costruirono i primi prototipi sperimentali in alluminio o acciaio , il primo si dimostrò troppo fragile e il secondo troppo pesante per sopportare le varie sollecitazioni . Alla fine del 1944 pare che gli scienziati riuscirono a creare una lega di alluminio e magnesio , leggera ma più resistente dell’alluminio semplice e permetteva la costruzione di “ ordigni “ più grandi e migliori . Sollecitati da Hitler stesso dopo i continui bombardamenti delle forze alleate , tra cui quello su Peenemunde nel 1943 , che ritardò pesantemente il lavoro di Wernher von Braun ( fautore come sappiamo con altri scienziati del Reich dello sbarco americano sulla Luna con il Project Paper Clip – graffetta ) , gli scienziati tedeschi al lavoro sull’oggetto recuperato si trasferirono in gigantesche strutture sotterranee , da dove la nuova presunta tecnologia aliena produsse aerei di nuova concezione , carburante sintetico ( di cui tratteremo più avanti ) , nuovi esplosivi e forse incredibili “ dischi volanti “ telecomandati , con l’aiuto della manodopera di operai dell’est europeo . Secondo i documenti e le testimonianze di sopravvissuti polacchi , gli scienziati del Reich riuscirono a testare un “ disco “ chiamato “ Kugelblitz “ ( fulmine a sfera ) , creazione forse derivata dalla retroingegneria del crash germanico , che causò anche alcuni avvistamenti dei famosi “ foo-fighters “ ( caccia di fiamma ) da parte dell’aviazione alleata , e che fu forse il primo disco volante prodotto da una potenza terrestre . Molti dei test furono seguiti segretamente da Adolph Hitler in persona e dal capo delle SS Heinrich Himmler . Secondo le poche fonti a nostra disposizione il Kugelbiltz aveva un diametro che variava dai 10 ai 15 piedi e aveva grande facilità di manovra con una velocità di 1250 miglia all’ora , ed emetteva un campo elettrostatico che causava problemi ai circuiti elettrici degli aerei nemici . Forse un altro derivato dell’UFO-crash germanico fu un missile da crociera , un V3 sub-orbitale ipersonico con cui Hitler voleva colpire New York e Washington , forse con l’ausilio anche di un bombardiere HO 18 esamotore con apertura alare di 46 metri . Questa tecnologia era tutta tedesca ? Era tecnologia derivata dagli studi del Gabinetto RS 33 fascista o tecnologia dell’Ufo-crash germanico del 1937 ? Sino a quando non verranno alla luce documentazioni di un certo rilievo che attestino la verità su quel periodo storico denso di misteri , queste domande rimarranno sempre senza risposta . Capitolo 26 /       Tecnologia esogena nella scienza del Terzo Reich ? E’ risaputo tra l’altro che Hitler e altri gerarchi nazisti consultavano assiduamente astrologi e studiosi esoterici , e infatti gli astrologi personali del Fuhrer avevano previstolo lo sbarco alleato in Normandia , a differenza degli strateghi militari che lo prevedevano al Pas de Calais . Si sa invece poco dei loro studi sulla possibilità di vita intelligente esogena , anche perché alla fine della guerra molti studi e progetti segreti furono recuperati dalle forze alleate . Molti studiosi suppongono che l’alto livello tecnologico del Terzo Reich era in notevole parte dovuto al contatto con intelligenze interstellari o extradimensionali . Ricordiamo anche che molti scienziati ed esploratori furono sguinzagliati in varie parti del mondo alla ricerca di simboli religiosi ed esoterici come l’Arca dell’Alleanza , il Graal , la Lancia di Longino ecc. , che secondo loro avrebbe portato una super conoscenza e una maggiore potenza al Reich millenario , che viaggiarono specialmente in Tibet e sull’ Himalaya , oltre che negli antichi siti Maya , Incas e Aztechi in Sud America . Nel periodo 1935-1939 i progetti furono più attivi , e con l’inizio della Seconda Guerra Mondiale le spedizioni si intensificarono , ma i documenti relativi sono stati distrutti o sono stati occultati in qualche archivio segreto . Alcuni studiosi sostengono che durante una  di queste spedizioni i nazisti abbiano preso contatto con entità aliene , con reciproci vantaggi, tecnologici per il Terzo Reich e materiali terrestri per i presunti visitatori . Quindi secondo questi studiosi , per la maggior parte l’elevato tasso tecnologico nazista è imputabile al contatto con queste entità . In effetti poi durante la guerra molte scuole scientifiche della Germania smisero di funzionare , ed è quindi improbabile che con i costi elevati per la costruzione di armamenti per la guerra , si sia potuto investire tanto denaro per nuove tecnologie . Invece il Terzo Reich sembrava molto più avanzato tecnologicamente rispetto a Stati Uniti e Russia . Nessuno può dire con certezza se i nazisti abbiano avuto contatti con alieni o meno , ma stranamente per fare un esempio illuminante , alla fine del 1930 la Germania possedeva solo 57 sottomarini , mentre durante la guerra ne aveva 1163 , tecnicamente molto progrediti . Come è stato possibile , quando i tedeschi erano a corto di materiali oltre che bombardati continuamente dalle forze alleate ? Ci si chiede anche come mai il presunto aiuto esogeno non abbia portato tecnologie ancora più perfette , ma sappiamo che il Reich finanziava produzioni militari più rapide da assemblare . Si dice per esempio che stessero creando il primo caccia a propulsione Jet , che poteva volare a quasi 1000 km. l’ora . Gli archivi degli Stati Uniti e della Gran Bretagna sono colmi di  rapporti di avvistamenti di strani velivoli a forma di elmetti militari inglesi durante i voli alleati sopra la Germania , che inquietarono persino il primo ministro Winston Churchill . Il 14 Ottobre del 1943 il pilota della British Air Force  R. Holmes riferì durante una missione , dell’apparizione di “ grandi dischi luminosi “ durante il bombardamento di Schweinfurt , e tali oggetti non risposero al fuoco . Simili avvistamenti furono fatti anche dai piloti dell’Us Air Force . Questi oggetti erano prototipi nazisti basati su tecnologie aliene , produzioni tutte di fabbricazione tedesca , oppure erano ordigni alieni ? Purtroppo siamo ancora in un campo pieno di illazioni che non consentono certezze , in attesa di nuove prove o rivelazioni . Per il momento sono solo leggende , ma in ogni leggenda però c’è sempre un fondo di verità . Capitolo  27  /   La benzina sintetica del Terzo Reich . Nel 1980 fu prodotto un film rivelatore sulle tecnologie e le forme di energia usate dalla macchina bellica nazista . Questo lungometraggio intitolato : La Formula , interpretato da George C. Scott e dalla bella attrice Marthe Keller , metteva in luce il fatto che i nazisti avevano prodotto durante il secondo conflitto mondiale una sorta di carburante sintetico estratto dal carbone , minerale che in Germania aveva numerosi giacimenti . Non molto tempo fa in una data imprecisata un bombardiere B-52 decollato dalla base di Edwards ( ex Muroc Air Field ) negli Stati Uniti , era alimentato in due dei suoi otto motori da un carburante sintetico con sigla F-T . Senza bisogno di modifiche ai motori il carburante ha funzionato a meraviglia e senza emissioni inquinanti . Gli altri sei motori erano alimentati a kerosene . L’Aeronautica e la Marina USA grandi consumatrici di carburanti , hanno comprato a partire dal 2008 , 380 milioni di litri di carburante chimico . Nel 2016 il Pentagono stima di coprire il fabbisogno dei suoi aerei militari con questo propellente F-T . Ma da dove deriva la sigla F-T  ? Guarda caso dai nomi di Fischer e Tropsch , due grandi chimici tedeschi del Kaiser Wilhelm Institute , che negli anni venti sperimentarono e resero operativo il processo industriale di liquefazione del carbone , di cui la Germania era ricca , rendendolo utile come carburante sintetico . Il carbone , anche di qualità non eccelsa , veniva surriscaldato con vapore acqueo ad altissime temperature , con cui veniva ottenuto una miscela di ossido di carbonio e idrogeno . Questa miscela trattata con un catalizzatore a base di ferro e cobalto , veniva trasformata in idrocarburi  e raffinata in modo da creare benzina e gasolio sintetici . Quella era la misteriosa benzina sintetica usata dai mezzi aerei , navali e terrestri del Reich . Già dal 1933 , quando Hitler era salito al potere , diede un notevole impulso alla chimica tedesca , anche per svincolarsi dall’importare materie prime straniere e anche per ragioni di economia , vista la crisi mondiale del 1929 e in vista della guerra che Hitler preparava . Con l’impulso dato alla chimica , l’industria germanica diventò quella dei cosiddetti “ ersatzen “ ( surrogati ) , che crearono in quella maniera : cioccolato , margarina ottenuta con la formula Fischer- Tropsch , materie plastiche , gomma sintetica , lubrificanti chimici , gasolio artificiale per grossi automezzi , benzina sintetica con un alto di ottani per gli aerei della Luftwaffe , tutti ricavati dal carbone , materia prima come abbiamo detto molto abbondante in Germania , e questo consentì a Hitler di scatenare una guerra devastante con poco consumo di petrolio . Dal 1935 l’industria IG Farben produsse 400 mila tonnellate di benzina sintetica l’anno e si arrivò oltre i 120 mila barili al giorno . Nel 1944 , nonostante i continui bombardamenti degli Alleati si arrivò a produrne 6,5 tonnellate . Il costo dei prodotti sintetici era superiore a quello del petrolio , ma l’economia nazista mirava all’autosufficienza e non agli scambi commerciali , come la globalizzazione attuale , anche perché aveva la sovranità monetaria . Mentre nel resto del mondo negli anni trenta c’era la recessione , la Germania conobbe invece una grande espansione industriale derivata dai suoi prodotti chimici del carbone . Questo dimostra perché il Terzo Reich stava avendo il predominio sull’Europa . Alla fine della guerra gli Alleati bloccarono la produzione di benzina sintetica con il Trattato di Potsdam del Luglio 1945 , e gli americani con l’Operazione Paperclip si appropriarono di tutti i brevetti nazisti , compreso quello della benzina sintetica . I documenti sul processo chimico Fischer – Tropsch furono chiusi in un archivio segreto , perché ovviamente le multinazionali petrolifere non “ gradivano “ che questo carburante sintetico sostituisse la benzina derivata dal petrolio , altamente inquinante e fonte di spropositati guadagni economici per i poteri occulti mondiali . Addirittura si affermò che questi brevetti erano andati perduti ! Ai tempi odierni il Pentagono ha recuperato questo bottino di guerra per i suoi scopi militari strategici con anche la formula dei chimici germanici Franz Fischer e Hans Tropsch . E in effetti gli USA dispongono di riserve di carbone pari a 265 miliardi di tonnellate , un quarto delle riserve mondiali , sufficienti a coprire secoli di consumi . Forse un giorno faremo anche noi un pieno di benzina F-T . Per concludere , queste tecnologie di cui abbiamo parlato nella 7° parte di questa ricerca , sono esistite per davvero , e in caso di risposta affermativa derivate da quali fonti ? Le poche testimonianze in nostro possesso potranno avere conferma solo nel momento in cui verranno alla luce documentazioni probanti in materia . In attesa e nella speranza di ciò , la nostra ricerca sugli enigmi e i misteri della guerra più devastante della Storia continua …….. FONTI   BIBLIOGRAFICHE Auschwitz.myblog.it 2010  .               Henry Makow.com . W.W.W. Roswell ufomuseum.com . Pravda.ru / science / mysteries  . Rivista –  I grandi aerei storici – bimestrale  n. 68  gennaio –febbraio 2014 Horten , l’UFO della Luftwaffe  . Film : The Formula  , USA 1980  , regia di John G. Avildsen  .

Una risposta a “Una storia inedita della Seconda Guerra Mondiale, tra misteri, segreti, nuove rivelazioni e conferme. 7° parte. di Franco Pavone Centro Ufologico Taranto

  1. simo luglio 14, 2014 alle 9:32 pm

    I dischi volanti nazisti furono un tentativo di copia da quelli originali, non terrestri,….leggetevi ” Gli x-files del nazifascismo ” di Roberto Pinotti e Alfredo Lissoni; un libro che si basa su documenti reali dell’ epoca. E poi… La benzina sintetica è stata sviluppata dai nazisti ,a basso costo senza tutti quei procedimenti costosi di cui si parlano e ipotizzano su decine di siti web. La benzina sintetica si poteva preparare all’ occorrenza in pochi secondi…. ed io conosco un testimone oculare che ha visto come funzionava…..

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: