CENTRO UFOLOGICO TARANTO MAGAZINE

PORTALE DI DIVULGAZIONE E INFORMAZIONE UFOLOGICA, MISTERI SPAZIALI, STORICI E PALEONTOLOGICI

Archivi Categorie: SCIENZA

Non sottovalutate le AI

Scrivici all’indirizzo: centroufologicotaranto@gmail.com

La crociata contro l’intelligenza artificiale continua. O, meglio, a essere – nuovamente – sotto attacco sono i suoi sviluppi senza freni. “Più pericolosa del demonio”, è stato il primo monito lanciato da Elon Musk lo scorso ottobre. Poco dopo Stephen Hawking ha rincarato la dose. “Il suo ulteriore sviluppo potrebbe portare alla fine della razza umana”, è il pensiero dell’astrofisico britannico. La sua ultima sentenza: “Le macchine ci soppianteranno”. Un dibattito che è cresciuto fino a portare alla redazione di un manifesto targato Future of Life Institute e sottoscritto da oltre 400 scienziati sparsi per il globo. Paesi diversi, opinioni diverse, ma un pensiero comune. Sintetizzando, senza demonizzare: “Intelligenza artificiale sì, ma con delle regole ben precise”.

Questa volta, invece, a scendere in campo per portare l’attenzione sui rischi dell’AI – e sulla conseguente necessità di adottare una normativa mondiale comune – è il papà di Microsoft, Bill Gates. Il coming out lo fa durante un botta e risposta con gli utenti di Reddit, programmato mercoledì scorso. “Filantropia, tecnologia e cosa significa bere un altro tipo di acqua ricavata da feci umane (Gates fa riferimento all’ultima invenzione, capace di trasformare gli escrementi in un liquido potabile ndr)”, sono i topic in programma. Si inizia con una previsione sul futuro dei computer entro il 2045.

“Saranno molto buoni persino per ciò che ha a che fare con i prossimi dieci problemi, come vista, comprensione del parlato e traduzioni”, immagina il magnate cresciuto in uno scantinato. Prosegue: “Le difficoltà relative alle abilità dei robot meccanici, quali la raccolta della frutta o lo spostamento di un paziente in ospedale, verrano risolti. Una volta che sarà facile per i computer/robot sia vedere che muoversi, saranno usati ampiamente”. E specula su un futuro progetto della Corporation conosciuto con il nome di “Personal Agent”, disegnato per aiutare le persone a gestire memoria, focus e attenzione: “l’idea che tu devi trovare delle applicazioni, scaricarle, e ognuna di loro prova a dirti che cosa è nuovo, non è un modello efficiente”, è convinto Gates, “l’agente personale risolverà la questione, e lavorerà attraverso tutti i tuoi dispositivi”.

Una domanda non prevista, però, devia l’attenzione su uno dei temi più discussi e controversi del momento: la capacità di pensiero delle più recenti tecnologie. “Quanto le macchine super smart possono essere considerate un pericolo?”, chiede un utente che si firma beastcoin. “Sono dalla parte di chi se ne occupa”, esordisce l’uomo più ricco del pianeta. Per poi concludere formulando una congettura: “Prima le macchine faranno un sacco di lavoro per noi e non saranno super intelligenti. Sarà positivo, se saremo capaci di maneggiarle bene. Un paio di decenni più tardi, penso, questa intelligenza diventerà un problema. Sono d’accordo con Elon Musk e qualche altro e non capisco perché alcune persone se ne disinteressino”.

Non una condanna in toto, quindi, ma l’ennesimo grido che suggerisce: “state all’erta”, lanciato da una delle voci più autorevoli nel mondo della tecnologia. Ma dietro a tanta preoccupazione da un lato, si cela una certa, e non troppo velata, ipocrisia dall’altro. Infatti, è sempre sugli sviluppi dell’intelligenza artificiale che la Silicon Valley sta di recente puntando miliardi. “Una nuova frenesia”, l’ha definita il giornalista tech Richard Waters sul Financial Times. Proliferano, infatti, le startup a lei dedicate. E la stessa Microsoft – stando a quanto dichiarato alla Bbc da Eric Horvitz, capo del settore ricerche dell’azienda – ci “sta investendo più di un quarto delle sue attenzioni e delle sue risorse”.

Non si tratta, ovviamente, della sola. Nelle scorse settimane, il Facebook Artificial Intelligence Research Lab ha reso pubbliche parte delle sue scoperte in materia per accelerare le nuove ricerche. Baidu, considerato il corrispondente cinese di Google, ha da poco annunciato di aver costruito un super computer per il deep learning. Persino Musk, uno dei critici più duri, può vantare diversi finanziamenti nel ramo. Da Vicarious, nata per sviluppare pc in grado di ragionare come un essere umano, all’auto che si guida da sé. “Sono sempre più convinto che tutti gli studi fatti sull’argomento, tutti gli esperimenti, debbano essere controllati da un organo supervisore, magari a livello sia nazionale sia internazionale, solo per assicurarci che non facciamo nulla di davvero sciocco”, aveva detto il fondatore di Tesla Motors. Insomma, sintetizzando: “Intelligenza artificiale sì, ma con delle regole ben precise”

News da Rosetta: Scoperte Molecole Organiche

Scrivici all’indirizzo: centroufologicotaranto@gmail.com

Il modulo di atterraggio Philae, che mercoledì scorso è atterrato per la prima volta della storia su una cometa, ha trovato molecole organiche contenenti carbonio sulla superficie di 67P/Churyumov-Gerasimenko che rappresentano le «basi» per i componenti delle molecole della vita. «Abbiamo raccolto molti dati preziosi», ha detto Ekkehard Kuhrt, direttore scientifico dell’Agenzia spaziale tedesca (Dlr). I dati sono stati ricevuti prima che Philae si entrasse «in sonno» a causa dell’esaurimento della batteria a bordo.

Philae comunque non ha finito la sua missione. «Siamo riusciti a farlo ruotare, i pannelli fotovoltaici, progettati e costruiti in Italia, adesso sono orientati nel modo giusto e potranno caricare la batteria», assicura Franco Bernelli del dipartimento di ingegneria aerospaziale del Politecnico di Milano, in un articolo su Oggi in uscita il 19 novembre. Se tutto va bene, si potrà comunicare ancora con Philae nella prossima primavera, quando la cometa si avvicinerà di più al Sole e i pannelli solari riusciranno a produrre più energia.Philae comunque non ha finito la sua missione. «Siamo riusciti a farlo ruotare, i pannelli fotovoltaici, progettati e costruiti in Italia, adesso sono orientati nel modo giusto e potranno caricare la batteria», assicura Franco Bernelli del dipartimento di ingegneria aerospaziale del Politecnico di Milano, in un articolo su Oggi in uscita il 19 novembre. Se tutto va bene, si potrà comunicare ancora con Philae nella prossima primavera, quando la cometa si avvicinerà di più al Sole e i pannelli solari riusciranno a produrre più energia.

Kuhrt ha aggiunto che non è chiaro se le molecole organiche trovate sulla cometa inclusono anche quelle complesse che costituiscono le proteine. Questa scoperta, in ogni caso, è proprio uno dei principali risultati che gli scienziati si attendevano da Philae e dalla sua sonda madre Rosetta: cioè la verifica diretta «sul campo» della presenza di molecole organiche che ai primordi della Terra potrebbero essere state portate dalle comete sul nostro pianeta. Le molecole sono state scoperte nell’atmosfera della cometa dal gascromatografo Cosac a bordo di Philae. Il lander prima di bloccarsi è riuscito a utilizzare la trivella italiana Sd2 per perforare la superficie di 67/P, anche se non è ancora chiaro se i campioni sono riusciti a essere utilizzati dallo strumento Cosac, realizzato in Germania.Kuhrt ha aggiunto che non è chiaro se le molecole organiche trovate sulla cometa inclusono anche quelle complesse che costituiscono le proteine. Questa scoperta, in ogni caso, è proprio uno dei principali risultati che gli scienziati si attendevano da Philae e dalla sua sonda madre Rosetta: cioè la verifica diretta «sul campo» della presenza di molecole organiche che ai primordi della Terra potrebbero essere state portate dalle comete sul nostro pianeta. Le molecole sono state scoperte nell’atmosfera della cometa dal gascromatografo Cosac a bordo di Philae. Il lander prima di bloccarsi è riuscito a utilizzare la trivella italiana Sd2 per perforare la superficie di 67/P, anche se non è ancora chiaro se i campioni sono riusciti a essere utilizzati dallo strumento Cosac, realizzato in Germania.

Un altro apparecchio tedesco, il Mupus (Multi purpose Sensors for Surface and Subsurface Science) ha misurato la densità e le proprietà termiche e meccaniche della superficie trovando notevole differenza a quanto in precedenza ipotizzato. «La superficie è dura come il ghiaccio», ha detto Tilman Spohn, che dirige l’esperimento Mupus, «e non soffice come si pensava». «Dopo aver attraversato uno strato di 10-20 centimetri di polvere, il sensore ha “sentito” una superficie che possiamo considerare dura come il ghiaccio. Questa è una sorpresa: non pensavano di trovare uno strato così duro in una zona così superficiale».Un altro apparecchio tedesco, il Mupus (Multi purpose Sensors for Surface and Subsurface Science) ha misurato la densità e le proprietà termiche e meccaniche della superficie trovando notevole differenza a quanto in precedenza ipotizzato. «La superficie è dura come il ghiaccio», ha detto Tilman Spohn, che dirige l’esperimento Mupus, «e non soffice come si pensava». «Dopo aver attraversato uno strato di 10-20 centimetri di polvere, il sensore ha “sentito” una superficie che possiamo considerare dura come il ghiaccio. Questa è una sorpresa: non pensavano di trovare uno strato così duro in una zona così superficiale».

Fonte || Corriere.it

Sviluppato Embrione Fino Allo Stato di “Individuo”

Scrivici all’indirizzo: centroufologicotaranto@gmail.com

20141104_7-3mesi.jpg.pagespeed.ce.GipEye87mCUn embrione artificiale è stato fatto crescere in laboratorio fino allo stadio in cui diventa ‘individuo’ e inizia a differenziare i suoi tessuti: un risultato finora mai ottenuto in laboratorio, e che ora un gruppo di ricercatori dell’università di Cambridge, coordinati da Alfonso Martinez-Arias, è riuscito a sviluppare partendo dalle cellule staminali di un topo, segnando un passo importante non solo nella comprensione dello sviluppo embrionale di organismi complessi, come l’uomo, ma anche dei tumori. Come spiega lo studio pubblicato sulla rivista Development, i ricercatori sono riusciti a ricostruire il primo stadio dello sviluppo di un mammifero usando delle cellule staminali embrionali, dimostrando che è necessaria una determinata massa di cellule – nè troppe nè troppo poche – perchè diventino un essere in grado di organizzarsi e formare poi un embrione. Un risultato cui sono arrivati dopo aver trovato una via per ‘convincere’ le cellule a riorganizzarsi nello stesso modo che adottano quando formano un embrione, creando un asse e con la sequenza di tutti i movimenti che portano all’organizzazione dell’embrione in tre diversi strati, con cui si determina in quali tessuti e organi le cellule si svilupperanno poi, detto processo di gastrulazione. In particolare, manipolando i segnali che le cellule inviano ad un determinato momento, i ricercatori sono riusciti a influenzare il tipo di cellula che poteva diventare e la sua organizzazione.

Con questo sistema sperimentale, i ricercatori sono stati in grado di generare i primi stadi del midollo spinale. «Un risultato molto rilevante – commenta Carlo Alberto Redi, professore di Biologia delle cellule staminali all’università di Pavia – poichè permette di dissezionare dei meccanismi che in natura accadono simultaneamente, e che quindi è molto difficile districare e replicare». Saper riprodurre artificialmente in provetta le fasi della gastrulazione ha varie implicazioni secondo Redi. Oltre alla comprensione di come avvengono le prime fasi dello sviluppo embrionale prima dell’impianto, si possono infatti «capire i meccanismi che regolano la transizione da cellula epiteliale a mesenchimale, un passaggio che nell’embrione è ‘normalè ma che in alcuni casi nell’adulto è il primo passaggio verso lo stabilirsi di un tumore». Inoltre consente di capire «come costruire delle ‘nicchiè artificiali – conclude Redi – in cui poter far sviluppare i tipi cellulari che si desiderano a partire da staminali embrionali».

Fonte || Leggo.it

Il Canada e la Ricerca di Vita ExtraTerrestre

L’Agenzia Spaziale Canadese (CSA) fornirà una serie Strumenti per Telescopio Spaziale James Webb, un progetto ONU da 8 miliardi di Dollari che verrà lanciato nel 2018. Il Canada fornirà due telescopi ed uno dei quattro strumenti di ricerca che saranno a bordo del telescopio. Secondo Sara Seager, professoressa di astronomia e fisica del MIT di Toronto “molte cose dipendono dal nostro telescopio, compresa la scoperta di vita extraterrestre. Abbiamo effettivamente avuto la possibilità di trovare tracce di vita, ma sarebbe come vincere la lotteria cinque volte di fila. Penso che nei prossimi 10 anni avremo la capacità di trovare segni di vita su uno qualunque dei pianeti extrasolari che studieremo”. Dal 1990, centinaia di pianeti extrasolari – pianeti situati in sistemi solari diversi dal nostro – sono stati rilevati dal veicolo spaziale. Lo scorso aprile, un pianeta delle dimensioni della Terra è stato scoperto nella “zona abitabile” della sua stella, ad una distanza con temperature favorevoli alla vita. Come la signora Seager, collocata nel 2012 nella lista del Time magazine 25 esperti più influenti sulla ricerca spaziale, gli scienziati si stanno concentrando sulla scoperta di gas in atmosfere planetarie. “Sappiamo che la vita sulla Terra, inclusi gli esseri umani in una certa misura, produce gas come prodotto di scarto della vita, e questo è ciò che cerchiamo.” La dottoressa conclude dicendo che non si aspettano di trovare omini verdi, ma lascia ad ognuno le proprie convinzioni, facendo affrontare alla comunità scientifica il proprio lavoro.

Fonte: LaPresse.ca

Vita dopo la Morte

Scrivici all’indirizzo: centroufologicotaranto@gmail.com

“C’è la prova della vita dopo la morte”, titola in terza pagina oggi il Daily Telegraph , che riporta uno studio dell’Università di Southampton che in quattro anni ha studiato i casi di oltre 2mila infartuati gravi fra Regno Unito, Stati Uniti e Austria. Di questi, 330 sono sopravvissuti e 140 hanno parlato, una volta tornati alla normalità funzionale, di esperienze assai “singolari”.

Così, secondo gli accademici, il 40% di chi risulta clinicamente morto per pochi minuti e poi viene “riportato in vita” ha raccontato di aver avuto consapevolezza di sé in quegli istanti in cui il cuore aveva smesso di battere.

Una sorta di “coscienza aumentata”, dicono ora gli studiosi dell’Università britannica, che riportano in particolare il caso di un’infermiera 57enne del sud dell’Inghilterra che ha raccontato esattamente che cosa fosse successo nella stanza nei minuti successivi al blocco del suo apparato circolatorio. I risultati sono stati pubblicati anche sul giornale Resuscitation ed è una delle prime volte che un’università pubblica effettua uno studio di questo tipo.

Fonte: TuttoScienze – LaStampa.it

____

NDR: Riportiamo di seguito l’articolo del Corriere sul neurochirurgo Eben Alexander, che dopo un coma di 7 giorni ha riportato una incredibile testimonianza di NDE.
____

Il professor Eben Alexander era sempre stato scettico a proposito di vita ultraterrena e dei racconti di esperienze extracorporee che gli venivano fatti dai suoi pazienti. Ma da quando nel 2008 rimase in coma sette giorni a causa di una rara forma di meningite la sua opinione è parecchio cambiata. La sua storia è finita sulla copertina di Newsweek, ma anche in un libro intitolato significativamente “Proof of Heaven” (“La prova del paradiso”, che uscirà il 23 ottobre), e racconta di un’esperienza durante la quale il medico cinquantottenne ha visitato quello che lui stesso definisce un luogo «incommensurabilmente più in alto delle nuvole, popolato di esseri trasparenti e scintillanti».

Una mattina dell’autunno del 2008 Alexander si svegliò con un feroce mal di testa e di lì a poco venne ricoverato d’urgenza in uno degli ospedali dove aveva lavorato, il Lynchburg General Hospital in Virginia. Qui gli venne diagnosticata una meningite batterica da Escherichia Coli, una patologia tipica dei neonati, che in poche ore lo condusse al coma. Per sette giorni il neurochirurgo statunitense rimase tra la vita e la morte e le frequenti TAC cerebrali e le accurate visite neurologiche dimostrarono una totale inattività della sua neocorteccia (nell’uomo rappresenta circa il 90 per cento della superficie cerebrale e viene considerata la sede delle funzioni di apprendimento, linguaggio e memoria).

Ma mentre Eben Alexander giaceva immobile e privo di conoscenza, sperimentava anche un vivido e incredibile viaggio destinato a cambiare la sua esistenza. Tutto ha avuto inizio «in un mondo di nuvole bianche e rosa stagliate contro un cielo blu scuro come la notte e stormi di esseri luminosi che lasciavano dietro di sé una scia altrettanto lucente». Secondo Alexander catalogarli come uccelli o addirittura angeli non renderebbe giustizia a questi esseri che definisce forme di vita superiore. In questa dimensione, arricchita da un canto glorioso, l’udito e la vista sono diventate un tutt’uno. Come ha raccontato a Newsweek il medico americano: «potevo ascoltare la bellezza di questi esseri straordinari e contemporaneamente vedere la gioia e la perfezione di ciò che stavano cantando».

Per buona parte del suo viaggio Alexander è stato accompagnato da una misteriosa ragazza bionda dagli occhi blu, che l’uomo racconta di avere incontrato per la prima volta camminando su un tappeto costituito da milioni di farfalle dai colori sgargianti. Nella memoria del neurochirurgo la giovane aveva uno sguardo che esprimeva amore assoluto, ben al di sopra di quello sperimentabile nella vita reale, e parlava con lui senza usare le parole, inviando messaggi «che gli entravano dentro come un dolce vento». Eben Alexander ne ricorda tre in particolare. Il primo era «tu sei amato e accudito», poi «non c’è niente di cui avere paura» e infine «non c’è niente che tu possa sbagliare». Ma l’accompagnatrice del medico aggiungeva anche: «Ti faremo vedere molte cose qui. Ma alla fine tornerai indietro».

Proseguendo il cammino l’autore di Proof of Heaven è infine giunto in un vuoto immenso, completamente buio, infinitamente esteso e confortevole, illuminato solo da una sfera brillante, «una sorta di interprete tra me e l’enorme presenza che mi circondava. È stato come nascere in un mondo più grande e come se l’universo stesso fosse un gigantesco utero cosmico. La sfera mi guidava attraverso questo spazio sterminato». Non si tratta certamente del primo caso di quello che gli anglosassoni chiamano Near Death Experience (esperienze ai confini della morte), ma di certo turba il fatto che a raccontarla sia un affermato docente di neurochirurgia, da sempre dichiaratosi scettico al proposito. «Mi rendo conto di quanto il mio racconto suoni straordinario, e francamente incredibile – ha dichiarato Eben Alexander -; se qualcuno, persino un medico, avesse raccontato questa storia al vecchio me stesso, sarei stato sicuro che fosse preda di illusioni. Ma quanto mi è capitato è reale quanto e più dei fatti più importanti della mia vita, come il mio matrimonio o la nascita dei miei due figli».

Fonte || Corriere.it

La NASA: “Prepariamoci Agli Alieni”

Scrivici all’indirizzo: centroufologicotaranto@gmail.com

nasa_logo1Ci sono nella Storia (quella con la S maiuscola) dei momenti di passaggio fondamentali, delle fasi che segnano la svolta, delle epoche che cambiano il futuro dell’Umanità. Talvolta chi li vive si rende conto di essere all’inizio di una nuova era. Probabilmente è quello che sta accadendo alla nostra generazione, sul punto di scoprire- al di là di ogni ragionevole dubbio- l’esistenza di altre forme di vita nella galassia attorno a noi.

Sembra davvero questione di tempo ormai e la scienza non vuole arrivare impreparata al grande giorno. Ecco perché la Nasa e la Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti hanno riunito astronomi, storici, filosofi, fisici e teologi di tutto il mondo per un simposio dal tema significativo: ”Prepararsi alla scoperta”. Ovviamente, degli altri esseri viventi del cosmo. Tra i punti del dibattito: valutare come dovremmo predisporci in vista dell’inevitabile individuazione di vita extraterrestre, sia essa in forma batterica oppure intelligente.

“Stiamo considerando ogni possibile scenario in merito. Se si scoprono dei microorganismi, è un conto. Ma se si trovano creature intelligenti, è un altro. E se comunicano, è un altro ancora e in base a quello che ci dicono, se ne profila uno diverso!”, ha detto all’Huffington Post l’astrobiologo Steven J. Dick, ex della Nasa ed organizzatore di questa due-giorni di Washington.

“L’idea non è stare ad aspettare fino al giorno in cui arriveremo ad una scoperta, ma tentare di preparare il pubblico a tutte le potenziali implicazioni in vista della scoperta.” Insomma, il punto non è se, ma quando ciò si verificherà. E anche l’ente spaziale americano ne è ben consapevole e vuole giocare d’anticipo. “Credo che a spingere la Nasa in questa direzione siano tutti i nuovi esopianeti individuati e i progressi dell’astrobiologia in generale. La gente considera molto probabile che troveremo qualcosa ed è un’opinione sostenuta anche dalla scienza: ad un certo momento, nel futuro, scopriremo la vita”, ha spiegato Dick.

Tra gli esperti chiamati a confrontarsi su queste tematiche c’era anche l’ astronomo del Papa, Padre Guy Consolmagno, neopresidente del Vatican Observatory Foundation, noto per le sue affermazioni in merito alla possibilità di catechizzare anche gli Alieni. La sua frase “qualsiasi entità- non importa quanti tentacoli possa avere- possiede un’anima” lo ha portato alla ribalta internazionale, insieme alla sua dichiarata disponibilità a somministrare il battesimo ad E.T.- ma solo su richiesta…

Al Simposio, il gesuita ha ribadito il concetto mentre al quotidiano online ha spiegato il suo approccio all’argomento. “Credo che la vita aliena esista, ma non ne ho le prove. Ne sarei davvero entusiasta e renderebbe la comprensione della mia religione più profonda e ricca, in modo che ancora non so neppure immaginare, ed è per questo che sarebbe tanto esaltante”, ha affermato. “Essere un bravo scienziato significa ammettere che non possediamo tutta la verità, c’è sempre da imparare”. E a suo avviso, l’ annuncio epocale -non siamo soli nell’ Universo, anzi, siamo circondati da forme di vita…- non scatenerebbe affatto il panico.

“Penso che in realtà ci sarebbero tre giorni di stupore, ma poi torneremmo a preoccuparci dei programmi Tv o delle follie che accadono a Washington. Perché l’umanità è fatta così. E la maggior parte delle persone sono come me: noi ce l’aspettiamo che là fuori ci sia qualcosa. E la nostra reazione sarebbe: wow, grazie al cielo, era ora…”

A rendere così sicuri gli scienziati che sia ormai partito il conto alla rovescia, sono i numeri- enormi, impressionanti- relativi alle stelle e ai sistemi planetari attorno a noi. Certo, sono solo stime perché nessuno sa con esattezza quante copie della Terra, dotate delle medesime caratteristiche adatte alla vita, esistano realmente, ma la statistica non è un’opinione e i potenziali mondi abitati sono davvero innumerevoli- proprio come diceva, quattro secoli fa, Giordano Bruno.

“I pianeti del genere, nella nostra galassia, sono decine di miliardi, senza parlare delle lune. E il numero delle galassie che siamo in grado di vedere è circa 100 miliardi”, ha affermato Seth Shostak, astronomo del SETI Institute. Solo nella parte di universo che noi riusciamo ad osservare, ci potrebbero essere 10 mila miliardi di stelle.

“Sappiamo che la maggior parte ha dei pianeti, per il 70-80 per cento. Se tutti questi pianeti sono privi di vita e l’uomo è l’unica cosa interessante del cosmo, be’, allora è un miracolo. Sarebbe un’eccezione a livelli estremi. Un approccio più pragmatico è invece dire: no, l’uomo non è un miracolo, è solo uno dei tanti nell’elenco. Il punto di arrivo è ipotizzare che una stella su 5 possa avere un omologo della Terra. E questo significa un sacco di mondi abitabili. Anzi, il numero delle copie della Terra nella sola nostra galassia potrebbe essere nell’ordine di 50 miliardi.”

Quante potrebbero ospitare civiltà così evolute da possedere una tecnologia a noi ancora sconosciuta in grado di compiere viaggi interstellari? La scoperta della vita extraterrestre passerà anche dall’individuazione di un’ astronave in volo in un punto della galassia? Sarà il James Webb Space Telescope, in orbita dal 2018 per analizzare le atmosfere dei pianeti lontani, a trovare anche la prova dell’esistenza degli Ufo?

Domande che l’ Huffington Post ha rivolto a Steven J. Dick e alle quali l’astrobiologo non si è sottratto. Anzi, ha dato una risposta che dovrebbe far riflettere i tanti scettici ad oltranza che per principio ritengono l’argomento Ufo una baggianata da non prendere neppure in considerazione. “Io cerco di tenere la mente aperta”, ha detto Dick. “ Il 90 e passa per cento di avvistamenti è spiegabile come fenomeni naturali. Il punto è cosa dobbiamo fare del restante 3 o 4 per cento. Secondo me, andrebbe ulteriormente studiato.

Per definizione, gli Ufo sono qualcosa che non sappiamo cosa sia. Potrebbero essere fenomeni fisici, psichici o sociali che ignoriamo. Certo, è un bel salto concludere che siano extraterrestri, non ne vedo la dimostrazione. Non ho analizzato da vicino i dati per poter affermare che ci sia una forma di intelligenza dietro ad essi, ma ho visto abbastanza per sapere che ci sono delle realtà non spiegate che dovremmo osservare meglio e per il momento il governo degli Stati Uniti non lo sta facendo.”

Fonte || Panorama.it

La medusa dal cuore di topo

Per fare una medusa ci vuole un ratto. Per la verità, nel meraviglioso mondo della biologia sintetica bastano solo alcune cellule cardiache del roditore, montate su un’impalcatura di silicone. Tutto qui: con questi pochi materiali di base un gruppo di ricerca congiunto tra il Caltech Biological Propulsion Lab e il Disease Biophysics Group di Harvard è riuscito a ricostruire in laboratorio una medusa artificiale che assomiglia moltissimo a una medusa vera.

L’idea è venuta qualche anno fa al bioingegnere Kit Parker, in visita al New England Aquarium di Boston. Di fronte alla vasca delle meduse Parker, che si occupa da tempo di ingegneria del tessuto cardiaco, ha pensato che questi animali potevano essere un ottimo modello semplificato di cuore,in fin dei conti, sia la medusa sia il cuore non sono altro che pompe. Così, ha chiesto una mano a John Dabiri, ingegnere aeronautico “prestato” allo studio della propulsione biologica. Per anni, i due (insieme a un bel gruppo di studenti, dottorandi e postdoc, ovvio) hanno cercato di capire esattamente come nuota una medusa e in particolare lo stadio giovanile di Aurelia aurita, la medusa quadrifoglio: come sono organizzati i muscoli (un singolo strato di fibre allineate intorno a un anello centrale), come si propaga l’onda di contrazione, come la dinamica dei fluidi influenza i movimenti. Una volta capiti i fondamentali, si sono messi al lavoro per creare una loro medusa o, meglio, un medusoide.

Come raccontato su Nature Biotechnology, il “corpo” di questo organismo artificiale è fatto di polidimetilsilossano, un polimero di silicone molto usato in applicazioni di bioingegneria e dall’aspetto “gelatinoso” davvero simile a quello di una medusa. Sul foglio di silicone, sagomato a forma di fiore con 8 petali, i ricercatori hanno stampato un reticolo di proteine che ha funzionato da guida per la crescita e l’organizzazione di cardiomiociti di ratto. Una volta staccata dal suo supporto e immersa in un acquario in cui era applicato un lieve campo elettrico, la “creatura” ha cominciato a contrarsi.

A parte la meraviglia per un foglietto di silicone che si contrae e si distende ritmicamente, a che cosa serve tutto ciò? Intanto a mostrare una via precisa alla bioingegneria e alla biomimetica, che secondo Dabiri e Parker dovrebbero concentrarsi meno sulle forme della natura e più sulle sue funzioni, da riprodurre con i materiali più disparati e, soprattutto, come primo passo verso la costruzione di un modello artificiale di cuore, da utilizzare per testare nuovi farmaci o per sviluppare, un giorno, pacemaker fatti esclusivamente di elementi biologici.

Fonte: Link

Neve su Marte grande come globuli rossi

I fiocchi di neve su Marte hanno le dimensioni dei globuli rossi. E’ quanto ha calcolato un gruppo di ricerca americano del Massachusetts Institute of Technology (Mit) analizzando i dati raccolti da due sonde della Nasa, il Mars Global Surveyor (MGS) e il Mars Reconnaissance Orbiter (Mro). Il risultato è descritto sul Journal of Geophysical Research. Nel cuore dell’inverno marziano un manto di nuvole ricche di neve copre i poli del pianeta rosso ma, a differenza dei fiocchi di neve terrestri a base di acqua, le particelle di neve su Marte sono cristalli congelati di anidride carbonica. La maggior parte dell’atmosfera marziana, spiegano gli esperti, è composta da anidride carbonica, e durante l’inverno ai poli fa così freddo che l’anidride carbonica presente nell’atmosfera si condensa, formando minuscole particelle di neve.

Per avere un quadro preciso della condensazione dell’anidride carbonica su Marte, i ricercatori hanno analizzato una quantità immensa di dati, inclusi i profili di temperatura e pressione raccolti dalla sonda Mro ogni 30 secondi nel corso di cinque anni marziani (che corrispondono a più di nove anni sulla Terra). Esaminando i dati il gruppo ha calcolato che nel Sud i fiocchi di neve sono leggermente più piccole rispetto a quelli che si formano nel Nord, ma entrambe hanno le dimensioni simili a quelle di un globulo rosso. “Si tratta di particelle molto fini. Se cadessero depositandosi sulla superficie di Marte, è probabilmente che le vedremmo come una nebbia che cala”, ha osservato uno degli autori, Kerri Cahoy.

Conoscere la dimensione dei fiocchi di neve nelle nubi di anidride carbonica su Marte, secondo uno degli autori, Renyu Hu, potrebbe aiutare a comprendere proprietà e comportamento delle polveri nell’atmosfera del pianeta. Perchè la neve si formi, l’anidride carbonica deve condensarsi intorno a qualcosa, per esempio a una piccola particella di polvere o silicati. Ma si chiede il ricercatore “che tipo di polvere è richiesta perchè la CO2 si condensi?, c’è bisogno di minuscole particelle di polvere? O di un rivestimento d’acqua intorno alle polveri per facilitare la formazione di nubi?”. Proprio come la neve sulla Terra influenza il modo in cui è distribuito il calore attorno al pianeta, Hu sottolinea che le particelle di neve su Marte possono avere un effetto simile, riflettendo la luce solare in vari modi, a seconda della dimensione di ciascuna particella.

Fonte: Link

Venti anni per l’immortalità

Lo scienziato Ray Kurzweil autore del libro “The Singularity is Near”, sostiene che tra venti anni saremo immortali, infatti dice: “Il sottoscritto, assieme ad altri scienziati, è convinto che entro 20 anni potremmo essere in grado di invertire l’invecchiamento riprogrammando l’età cellulare. Il tutto sarà possibile grazie all’uso delle nanotecnologie, saremo in grado di modificare anche il sangue”. Kurzweil afferma che riusciremo a nuotare sott’acqua per ore, senza aver bisogno delle bombole di ossigeno e che potremo scrivere scrivere libri in pochi minuti. Lo scienziato continua dicendo, che tutto questo dipende dal fatto che tra venti anni si raggiungerà, in ambito tecnologico, una nuova età dell’oro. Negli ultimi venti anni abbiamo assistito alla nascita dell’informatica, di internet, dei telefonini cellulari…secondo lo scienziato, i progressi in costante crescita dell’ambito scientifico e tecnologico, ci porteranno, dunque, a raggiungere l’immortalità. Lo studioso pensa che stiamo ancora sfruttando poco l’intelligenza artificiale, che siamo solo all’inizio ma che questo è un settore destinato ad espandersi. Kurzweil conclude: “Possiamo guardare avanti in un mondo dove l’uomo diventa cyborg, con arti e organi artificiali”. In effetti è una teoria che potrebbe affascinare, l’uomo da sempre insegue l’immortalità e sicuramente in futuro ci saranno nuove scoperte scientifiche che oggi non siamo in grado di immaginare.

Fonte: Link

Rilevati dati significativi sul Bosone di Higgs

centroufologicotaranto@gmail.com – Il CUT su Facebook

“Gli esperimenti lo diranno domani pero’ hanno un evidenza molto solida e non piu’ vaga. I dati sono compatibili con l’aver trovato un Higgs”. Insomma “gli indizi sono seri” che e’ stata trovata la particella di Dio. Nessun giro di parole da parte del fisico Sergio Bortolucci, capo della Ricerca e Computing del Cern, che, raggiunto telefonicamente a Ginevra dall’Adnkronos, alla vigilia dell’atteso annuncio di domani da parte dei fisici del Cern, e dopo cautela e fughe di notizie su media e blog di tutto il mondo, conferma cosi’ che quell’elusivo bosone di Higgs, che spiega come mai tutte le cose nell’universo abbiano una massa, davvero esiste. L’analisi dei dati intanto sta procedendo negli esperimenti Atlas e Cms del Large Hadron Collider (Lhc), ma il margine di dubbio si fatto sottilissimo. Al Cern di Ginevra come al Tevatron negli Usa, l’acceleratore di particelle in Illinois. La sicurezza degli scienziati del Tevatron e’ di ’3 sigma’, considerata un ottimo livello, pari al 90%, ma a Ginevra avrebbero una sicurezza del 99,999% che la particella di Dio e’ stata trovata. “Higgs pero’ e’ un meccanismo ed e’ quello che da’ la massa a tutti i costituenti della materia. Non basta aver trovato la particella ma capirne il meccanismo. E questo sara’ il nostro lavoro da domani in avanti” avverte Bertolucci. Poi il capo di tutte le ricerche del Cern aggiunge subito. “E’ un bel momento, comunque”.

Dunque, cosa e’ stato trovato. Bertolucci usa una metafora che rende tutto piu’ chiaro: le certezze ed i dubbi che si vogliono tenere ancora aperti. “Cercavamo un gatto, abbiamo trovato un animale che fa le fusa, che ha quattro zampe, che ha una coda ma non sappiamo se miagola o abbaia” dice il fisico italiano. “Quello che noi abbiamo visto -aggiunge- non possiamo ancora dire se miagola o abbaia ma e’ sicuramente qualcosa che e’ compatibile con un Higgs. Ora per dire che e’ proprio un gatto, che e’ proprio un Higgs, dobbiamo studiarlo ancora”. Insomma all’Organizzazione europea per la ricerca nucleare, il piu’ grande laboratorio al mondo di fisica delle particelle, un fiore all’occhiello della scienza europea e mondiale, si continuano le ultime verifiche anche in queste ore prima dell’annuncio e resta un minimo margine di incertezza bassissimo. E, al tempo stesso, mentre si attende per domani l’annuncio del Cern, “forti indizi” che la particella di Dio esista vengono confermati anche dai fisici del Fermi National Accelerator Lab che, dopo dieci anni di lavoro con il Tevatron, a loro volta hanno annunciato di aver visto “il piu’ forte indizio” della particella di Dio in frammenti di collisioni nell’acceleratore dell’Illinois. E, se gli scienziati al di qua ed al di la’ dell’Oceano confermano quanto hanno fatto trapelare, si tratterebbe di una delle scoperte scientifiche piu’ importanti degli ultimi cento anni. Soprannominata “particella di Dio”, il bosone, o il “campo di Higgs” di cui e’ prodotto, e’ all’origine della massa e la conferma della sua esistenza potrebbe segnare un enorme passo avanti alla scienza.

Quindi c’e’ un’attesa da red carpet per questo annuncio di domani del Cern, per il quale c’e’ in collegamento anche il ministro italiano della Ricerca, Francesco Profumo. I responsabili dei due esperimenti, Fabiola Gianotti di Atlas e Joseph Incandela di Cms, hanno deciso di diffondere i dati per il congresso di fisica delle particelle che si apre proprio domani in Australia, a Melbourne, dove si svolgera’ fino all’11 luglio prossimo. Ma perche’ tanta attesa per questo Higgs la cui caccia, costata circa 8 mld di euro, e’ iniziata gia’ 50 anni fa. Il primo a mettere sotto i riflettori l’elusivo bosone e’ stato Peter Higgs che, nel 1964, ritenne che da qualche parte questa particelladoveva esserci. Il bosone di Higgs e’ un ipotetico bosone massivo e scalare previsto dal Modello standard ed e’ l’unica particella del modello la cui esistenza doveva essere ancora verificata sperimentalmente. Giocherebbe un ruolo fondamentale in quanto portatore di forza del campo di Higgs, che secondo la teoria permea l’universo e, mediante rottura spontanea di simmetria dei campi elettrodebole e fermionico, conferisce la massa alle particelle. Va fatta una distinzione fra meccanismo di Higgs e bosone di Higgs. Introdotti nel 1964, il meccanismo di Higgs fu teorizzato dal fisico scozzese Peter Higgs, insieme a François Englert e Robert Brout, lavorando su un’idea di Philip Anderson, e indipendentemente da G. S. Guralnik, C. R. Hagen, e T. W. B. Kibble, tutti questi fisici, rimasti relativamente in ombra rispetto a Peter Higgs, sono stati premiati nel 2010 per il loro contributo. Ma solo la pubblicazione di Higgs citava esplicitamente, in una nota finale, la possibile esistenza di un nuovo bosone. Egli aggiunse tale nota dopo che una prima stesura era stata rifiutata dalla rivista Physics Letters, prima di reinviare il lavoro a Physical Review Letters. Il bosone e il meccanismo di Higgs sono stati successivamente incorporati nel Modello standard, in una descrizione della forza debole come teoria di gauge, indipendentemente da Steven Weinberg e Abdus Salam nel 1967. Ed ora la caccia sembra davvero finita.
Sono ”molto significativi” i dati sulla cosiddetta ”particella di Dio”, il bosone di Higgs grazie al quale ogni cosa ha una massa. Tanto che il margine di errore sembra essere vicinissimo al livello oltre il quale si possa parlare di una scoperta. ”In questo momento c’e’ almeno una persona al mondo che conosce esattamente i risultati degli esperimenti, ma non c’e’ dubbio che i risultati che saranno presentati domani al Cern saranno molto significativi”, ha detto oggi all’ANSA il presidente dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Infn), Fernando Ferroni. Nel seminario e nella conferenza stampa internazionale in programma domani al Cern saranno presentati i dati piu’ aggiornati raccolti dai due esperimenti che stanno dando la ‘caccia’ al bosone di Higgs: Atlas, diretto dall’italiana Fabiola Gianotti, e Cms, diretto da Joseph Incandela. Finora i due esperimenti hanno lavorato l’uno senza conoscere i risultati dell’altro e soltanto nelle ultime ore i risultati di entrambi sono stati messi a confronto. Come ha detto Ferroni, sono in pochissimi, ”forse una sola persona al mondo”, a conoscerli, ma si puo’ gia’ dire che ”sono coincidenti dal punto di vista qualitativo e quantitativo”, ha detto ancora il presidente dell’Infn. ”Immagino – ha aggiunto – che la direzione generale abbia discusso con entrambi gli esperimenti”. Tuttavia, ha aggiunto, ”e’ un miracolo che siamo arrivati cosi’ presto intorno a 5 deviazioni standard”.

Fonte: Link

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 150 follower