CENTRO UFOLOGICO TARANTO MAGAZINE

PORTALE DI DIVULGAZIONE E INFORMAZIONE UFOLOGICA, MISTERI SPAZIALI, STORICI E PALEONTOLOGICI

Archivi delle etichette: saturno

NASA: Su Encelado acqua e alta probabilità di vita

centroufologicotaranto@gmail.com – Mi Piace !

encelado-e1492107968951Encelado potrebbe ospitare forme di vita, al pari della Terra primordiale. E’ l’atteso contenuto della conferenza stampa che la NASA sta trasmettendo in questi minuti. Si tratta di una scoperta davvero clamorosa (anche se non del tutto nuova), e che potrebbe aprire nuovi scenari sulla ricerca di vita extraterrestre. La luna di Saturno è caratterizzata da uno strato di ghiaccio superficiale che la rende molto luminosa nello spazio: una crosta glaciale che nasconde un vasto oceano di acqua.

Ed è proprio nelle profondità del profondo strato di liquido che gli esperti hanno scoperto gli indizi che ricondurrebbero ad un ambiente ospitale per alcune forme di vita batteriche. La scoperta è il frutto dei dati della sonda Cassini la quale ha rilevato idrogeno molecolare ed anidride carbonica nei pennacchi che si elevano in alcune aree di Encelado. Si tratta una prova dell’esistenza di sorgenti idrotermali oceaniche e soprattutto dell’esistenza degli ”elementi critici” per lo sviluppo del processo di metanogenesi. La relativa abbondanza di idrogeno e di condizioni che favoriscono la formazione di metano dall’anidride carbonica, rappresenta un elemento importante perché suggerisce la presenza delle condizioni di temperatura ed energia del tutto simili a quelle indispensabili per sostenere forme di vita, anche senza fotosintesi. Si tratterebbe dello stesso processo che si verifica nelle profondità degli oceani terrestri. Insomma la presenza di forme di vita, sulla luna di Saturno, potrebbe essere davvero probabile.

Fonte || Link

Annunci

Titano, Montagne da 3000m


Scrivici all’indirizzo: centroufologicotaranto@gmail.com

Aggiungi su Facebook il « Centro Ufologico Taranto »

titanoMisura 3.337 metri la cima più alta di Titano, la più grande luna di Saturno, e si trova in mezzo ad un trio di creste montuose chiamate Monti Mithrim. A identificarla la sonda Cassini della Nasa, grazie alle immagini del suo strumento radar, che è riuscito a guardare attraverso la spessa coltre della foschia della sua atmosfera.

I risultati sono stati presentati negli Stati Uniti, nella Lunar and Planetary Science Conference di Woodlands, in Texas. «Non è solo il punto più alto trovato finora su Titano – precisa Stephen Wall, coordinatore del gruppo che lavora sul radar di Cassini – ma pensiamo sia il più alto che troveremo».

Molte delle montagne più alte di Titano appaiono vicine al suo equatore, ma i ricercatori ne hanno identificate altre di altezza simile nei Monti Mithrim, oltre che nella regione di Xanadu, e vicino il sito di atterraggio della sonda Huygens dell’Agenzia spaziale europea.

La scoperta è partita dalla ricerca di zone attive nella crosta di Titano. Montagne e rupi sulla Terra si trovano generalmente dove le forze hanno spinto la superficie dal basso verso l’alto. Le forze di erosione, come vento e pioggia, le consumano lentamente nel tempo. Cassini ha scoperto che piogge e fiumi hanno eroso anche il paesaggio di Titano, ma probabilmente più lentamente di quello avvenuto sulla Terra, perché trovandosi a 10 volte la distanza della Terra dal Sole, c’è meno energia per spingere i processi di erosione nell’atmosfera della luna di Saturno.

Fonte || Link